Au claire de lune

Prélude

E Dae Ho capi di essere lui l’eclissi suonata da Ye Joon, ma tra le note del pianista, ora, c’era anche un chiaro di luna che dava lui la speranza di una nuova alba.
Quello che non sapeva era che Min Ye Joon non avrebbe più cercato la luce perché nel suo faro, nel suo cuore, il ragazzo aveva posto solo per una stella e quella sarebbe stata per sempre Park Dae Ho.
L’ultima nota sfumò nel teatro, il pubblico applaudì, il buio incontrò per l’ultima volta il sole con un fugace ed eterno sguardo che aveva il sapore di un addio e il suono di un bacio che mai più ci sarebbe stato.

Il sipario si chiude. Cosa accade dopo?

  • Il rumore della pioggia non permette a Ye Joon di dormire perché gli ricorda Dae Ho. Per questo corre a casa del ragazzo. (50%)
    50
  • Dae Ho aspetta Ye Joon fuori dal teatro, al chiaro di luna. (50%)
    50
  • Si dicono veramente addio con uno sguardo e Dae Ho se ne va dal teatro senza dir nulla a Ye Joon. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

10 Commenti

  • Pochi caratteri, quasi a seguire la chiusura di una melodia suonata al pianoforte.

    Poche risposte, tante domande, un bacio sospeso nel finale mentre la suonata si chiude.

    Seguo super curioso, questo stile di scrittura mi affascina particolarmente.

    A volte il non detto vale più di 5000 caratteri. 😉

    • “Pochi caratteri, quasi a seguire la chiusura di una melodia suonata al pianoforte”. Posso dirti di essermi emozionata con queste parole?
      Ti ringrazio tantissimo per il commento e sono davvero felice che questo brevissimo inizio ti abbia incuriosito. Sto scrivendo il continuo (purtroppo a causa di impegni ci impiego più di quanto vorrei) e spero sia di non deludere le tue aspettative sia che abbia vinto l’opzione da te scelta.
      Grazie mille ancora!

    • Ciao!
      Ti ringrazio tantissimo per il commento e sono estremamente felice che queste poche parole abbiano scatenato in te dubbi sui personaggi e sulla loro storia invece che scoraggiarti a leggere “Au claire de lune”.
      Spero di non deludere le tue aspettative future e che a vincere sia stata proprio l’opzione da te votata.
      In altrettanto modo, spero anche che continuerai a leggermi, a votare, ma soprattutto a farmi sapere cosa ne pensi.
      Grazie mille ancora!

  • Ciao!
    È la prima volta anche per me su questa piattaforma, e voglio iniziare dicendo “complimenti!”.
    Non è il solito incipit che mi fa già presagire elementi “cliché” della storia, per tanto complimenti.

    Non sono per nulla d’accordo con chi scrive di sfruttare tutti e 5000 i caratteri, perché non credo che ce ne sia sempre il bisogno!
    Dipende dalla storia che si vuole raccontare, dallo stile di narrazione ed anche dalla bravura dell’autore di dirmi in 700 parole, quello che avrebbe potuto dirmi in 5000.

    Personalmente il messaggio di questo breve inizio mi è arrivato tutto: i due personaggi hanno una storia turbolenta, difficile, fatta forse di silenzi più che di parole tra di due, con dei sentimenti sopiti e forse anche dei segreti.
    La scelta di lasciar intendere la tensione tra i due, senza storpiare di troppe parole, per me è più che azzeccata!
    Un po’ come se anche noi, lettori, avessimo un breve assaggio di questa loro “presumibile” caotica storia d’amore, attraverso il “non detto”.

    Sono curiosa di vedere cosa avranno da dirsi e imparare a conoscerli pian piano nei successivi capitoli, per cercare di snocciolare tutte le domande che mi sono sorte!

    Aspetto il prossimo e buona scrittura!

    • Ciao!
      Ti ringrazio tantissimo per il commento, in particolar modo ti ringrazio per non esserti fatta scoraggiare dalle poche parole del mio incipit, ma, anzi, di aver colto quella pragmaticità che avvolge i due personaggi e la loro storia.
      Sono davvero felice che questa “prima puntata” sia stata di tuo gradimento e abbia scatenato in te diverse idee riguardanti Dae Ho e Ye Joon, spero con tutto il cuore di non deludere le tue aspettative e che a vincere sia stata l’opzione da te votata!
      Ti ringrazio ancora moltissimo, mi auguro che continuerai a leggere “Au claire de lune” concedendomi il piacere di tuoi commenti.

    • Ciao! Ti ringrazio moltissimo per il commento! La questione dei caratteri non è un problema (quasi sicuramente rischierò di sforare ora che ho una giusta votazione e potrò iniziare a scrivere il nuovo episodio!), ho solo voluto sperimentare un nuovo modo di scrivere un incipit assumendomi il rischio di sbagliare.
      Prometto di non deludervi nelle prossime parti!
      Grazie mille ancora per il consiglio e per aver letto la mia storia!

  • Capitolo 1)

    Ehi! Ti leggo per la prima volta su The Incipit: benvenuta! 😉

    A mio parere c’è davvero troppo poco materiale per spingere il lettore a proseguire. Il sito offre 5000 caratteri per mettersi in gioco, per dare prova delle proprie capacità: all’inizio è sempre consigliabile scegliere qualcosa che riesca a pungere il lettore. Purtroppo, considerato anche l’errore presente all’inizio del capitolo (nulla di gravissimo, ma evidente in 10 righe), qualche lettore potrebbe prendere l’idea con poca serietà.
    Il tutto risulta criptico: non abbiamo un riferimento effettivo sui personaggi, sui loro rapporti e niente che ci tenga all’amo con la curiosità, e questo potrebbe scoraggiare. Avresti potuto prenderti più spazio per dare prova delle tue capacità, anche solo metà dello spazio disponibile. 😉
    Io voglio darti fiducia. Sono curioso di scoprire cosa puoi raccontarci.
    Per le prossime volte: ultima rilettura una volta caricato il testo sul sito, si possono scovare tanti piccoli errori sfuggiti!

    Aspetto il prossimo.
    Buona scrittura!

    • Ciao! Ti ringrazio moltissimo per il commento e per il benvenuto!
      Purtroppo mi sono resa conto solo ora dell’errore di battitura nonostante abbia letto e riletto la parte diecimila volte, ma spesso mi capita di lasciare qualche refuso perché (a quanto pare) il mio cervello si rifiuta di coglierli. Mi dispiace solo non poterlo più correggerlo.
      Comunque! Ho deciso di scrivere un incipit breve e criptico di proposito, assumendomi il rischio di non invogliare il lettore a continuare una storia di cui può comprendere davvero poco. Spero, però, che proprio questo “mistero” che si cela dietro poche parole possa far incuriosire, far chiedere “cos’è successo tra i due ragazzi? Cosa accadrà?”. Ti assicuro che solitamente sono prolissa e che nei prossimi capitoli non deluderò i consigli appena ricevuti dal tuo commento!
      Grazie mille ancora!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi