IL PONTE DEL DIAVOLO

Dove eravamo rimasti?

Riusciranno a mantenere il patto con il Diavolo? Sì, ma non al cento per cento, perché qualcosa andrà storto. (100%)

I SETTE ORFANELLI

«Sette bambini orfani!» Sbottò Evelina. «Ma dove li troviamo?» Si domandò sempre più scioccata e in apprensione.

Era così vicina nel poter rivedere Fabian. L’attesa del compimento del patto la faceva tremare di trepidazione e stava diventando davvero insopportabile.

«Cara fanciulla, questa notte rapiremo sette bambini orfani», disse con fermezza la strega. «Vedrai sarà molto facile», concluse, facendo trasparire nel suo volto un ghigno alquanto subdolo.

Soffiò e spense la candela, nascondendola dentro al suo nero abito, poi scese la gradinata del ponte e si incamminò per le calli oscure.

Evelina la seguì senza più dire una parola.

Ritornarono insieme alla loro gondola ormeggiata che dondolava quieta sull’acqua, avvolta in una coltre di nebbia bianca che evaporava dal canale.

Salirono ed Evelina si sedette su un divanetto rosso vellutato, mentre la strega slegò l’imbarcazione dalla briccola, poi prese i remi e iniziò a navigare per i canali bui e torbidi di Venezia, finché si ritrovò in mezzo alle acque nere della laguna.

Percorse il Bacino di San Marco e proseguì verso il Canale della Giudecca.

Evelina e Medera approdarono vicino alle “Fondamenta Degli Incurabili”, dove si ergeva un edificio imponente e singolare, costruito in mattoni bianchi e munito di una serie di finestre piccole sigillate da balconi scuri in legno che si affacciavano sul canale.

La strega ormeggiò la gondola e la legò stretta alla briccola.

Scese con la fanciulla proprio davanti all’edificio.

Si avvicinarono di più al portone chiuso.

Evelina notò che sopra c’era scritto “Ospedale degli Incurabili”.

«E adesso?» Domando la fanciulla sempre più in apprensione.

«Non parlare, ho bisogno di calma e concentrazione.»

Evelina tacque. La strega chiuse gli occhi, giunse le mani, chinò il capo e iniziò a recitare a bassa voce uno strano incantesimo magico. «In quorum dulci et profundo sopore septem pueros masculos Diabolo tradendos evoco. Exsurge et veni ad me, miserande animulae, solae et perditae. Veni ad me! Satanas te exspectat in Inferno.»*

Passarono alcuni minuti, ma non successe nulla.

La fanciulla non riusciva a non capire ed era sempre più agitata.

Medera continuò a recitare la formula ancora e ancora. «In quorum dulci et profundo sopore septem pueros masculos Diabolo tradendos evoco. Exsurge et veni ad me, miserande animulae, solae et perditae. Veni ad me! Satanas te exspectat in Inferno.» La sua voce divenne sempre più incalzante, assunse un tono fermo e deciso. «In quorum dulci et profundo sopore septem pueros masculos Diabolo tradendos evoco. Exsurge et veni ad me, miserande animulae, solae et perditae. Veni ad me! Satanas te exspectat in Inferno.» Infine urlò forte. «Veni ad me! Satanas te exspectat in Inferno.»*

All’improvviso la porta dell’ospedale emise uno scatto.

La strega ed Evelina si immobilizzarono.

Dal portone scricchiolante uscirono sette bambini orfani. Si misero tutti in fila indiana davanti alla strega. Avevano i capelli corti, biondi platino, gli occhi celesti infossati, i visi pallidi e sciupati. Indossavano solo una sottoveste logora e stropicciata chiusa sul davanti da una fila di bottoni. 

Evelina li scrutò uno per uno imbambolata. Era troppo allibita per poter solo dire una parola.

Medera dopo aver contato i fanciulli, si voltò e risalì nella gondola, seguita subito dopo dalle sette anime orfanelle.

Evelina, ancora immobile come una statua, guardava la scena a bocca aperta: non credeva a quello che stava succedendo.
La strega era veramente riuscita a rapire sette bambini maschi da consegnare al Diavolo in persona.
Tutto questo le sembrava un inspiegabile e oscuro sogno nel quale era caduta. Un sogno che ben presto sarebbe diventato una nuova realtà, una nuova vita per lei e Fabian.

«Evelina! Forza sali, è quasi mezzanotte!» Medera la scosse dai suoi pensieri.

La fanciulla l’ascoltò e risalì anche lei sulla gondola.

Si sedette in mezzo ai corpi freddi e addormentati degli orfanelli senza proliferare parola.

«Tieni in mano questa lanterna. Ci servirà un po’ di luce per trovare l’isola di Torcello in questa gelida e buia notte d’inverno.» La giovane prese la lanterna e se la mise in grembo.

La strega iniziò a remare verso la laguna.

«Vedrai, fra poco riabbraccerai il tuo amore. Finalmente potrete di nuovo stare insieme e questa volta per sempre.» 

Come finirà la storia?

  • Ci sarà un imminente e sconvolgente tragedia (67%)
    67
  • Evelina riuscirà ad avere Fabian e la strega riuscirà a riscuotere il suo debito con Lucifero senza intoppi. (0%)
    0
  • Bene, ma non per tutti i personaggi. (33%)
    33
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

31 Commenti

  • Però! Pensavo che ci fosse la fregatura finale, visti i voti; invece per i due giovani spasimanti sono riusciti a salvarsi. Peccato per la famiglia Diavoli, maledetti dalla strega, di cui mi sa che il futuro è segnato…

    Mi è venuta però una domanda: ma la famiglia “Diavoli” esiste davvero?

    Ciao 🙂
    PS: Naturalmente alla prossima storia 🙂

  • Ciao, una bella descrizione del “rapimento” magico, non c’è che dire!!! Sai, ai tempi del liceo il latino è stato sempre il mio tallone d’Achille!!!
    Ho votato per la tragedia, perché se una persona è disposta a sacrificare sette anime innocenti senza tanti problemi, non può che andare a finire così, con il Diavolo non la passi mai liscia!!! Ci vediamo al gran finale.

  • Non vedo un finale positivo in questa storia e non mi sembra che tu abbia intenzione di fare seguiti, quindi voto “bene ma non per tutti i personaggi”.

    Non mi aspettavo una simile magia da parte della strega! O è molto potente o c’è qualcosa sotto…

    Ciao 🙂

  • Ciao Lauraruetta 🙂
    Innanzitutto mi spiace averti trovato solo ora e poter intervenire solamente dall’ottavo capitolo in poi 🙂
    complimenti scrivi benissimo , c’e ‘ solo qualche errore di battitura qua e la ma quello capita sempre
    per una svista durante la rilettura in fase di pubblicazione.
    La trama e’ sviluppata molto bene , in una citta’ magica di suo come venezia
    Ho notato in te influenza letterarie come Shakespeare nei primi capitoli (Romeo and Juliet)
    Manzoni nel capitolo al convento (La monaca di Monza)
    e un po’ di Dante nel patto con Lucifero (Il limbo situato all’Inferno)
    comunque ti seguo e ancora mille complimenti 🙂
    ho scelto che terranno fede al patto con Lucifero ma qualcosa andra’ storto 🙂
    Buon Proseguimento 🙂
    a presto 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi