APOCALYPSE ZOMBIE RESTAURANT

Dove eravamo rimasti?

E mo'? I due cercano rifugio per la notte (71%)

Nel vicolo

Fracca aveva assestato un’altra mattarellata, sfasciando la testa di uno zombie che stava per papparsi il piccato Bruno, si era caricato il Grande Chef sulla spalla sinistra e aveva guadagnato il favore delle tenebre con l’agilità di una pantera nera sovrappeso.
Le Previsioni Zombie trasmesse alla tele ventiquattro ore su ventiquattro minimizzavano la situazione, annacquando alquanto il brodo: e Bruno, ancora, non se n’era reso conto.
Aveva continuato a lamentarsi di una minuscola macchia di sangue che gli aveva lordato la pashmina e a ciarlare di uno stilista suo amico di New York che forse era gay e a lamentarsi del freddo boia di certe sere nebbiose di gennaio. Fracca non aveva detto nulla per tutto il tragitto, ma con la coda dell’occhio buono aveva osservato la manica della camicia a quadrettoni che gli spuntava dal gilet di pelle logoro: quella camicia sembrava mangiata dai topi, e in effetti era stata mangiata dai topi. Si era svegliato quella mattina, al calduccio nel suo scatolone, e si era ritrovato con centinaia di topastri che gli stavano rosicchiando il rosicchiabile: il suo mattarello aveva avuto il suo gran bel daffare.
Doveva trovare qualcosa da mettersi addosso, doveva trovare qualcosa da mettere sotto i denti. Doveva trovare un posto dove passare la notte al sicuro col suo nuovo compagno di avventure. Forse avrebbe trovato tutto questo al Miao Miao, l’hotel a ore che si trovava lì vicino.

«Dove posso comprare la ricarica per la pistola?», aveva chiesto Barbieri dopo qualche secondo di silenzio.

Fracca si era fermato in un vicolo. La situazione, in quella parte della città, sembrava decisamente più calma; aveva messo giù il loquace chef e tirato un sospiro di sollievo.

«Che tipo di proiettili, chef?»

«Non ne ho idea: di solito me li porta a casa Joe… »

«Mi faccia vedere.»

Barbieri gli aveva dato l’arma, Fracca l’aveva impugnata e il colpo era esploso all’improvviso, schiantandosi alle sue spalle contro l’insegna luminosa del Miao Miao. I due si erano guardati intensamente. Barbieri aveva provato a sorridere, ma, incrociando lo sguardo satanico di Fracca, aveva desistito. Lì, nella semioscurità del vicolo, il volto sfigurato di Fracca, illuminato solo a tratti dall’insegna intermittente dell’hotel a ore, era decisamente poco trendy. Anzi, era proprio orrendo. Un sentimento di paura e di angoscia gli prese a tormentare gli intestini. Non si sentiva a proprio agio, con quell’uomo truce che gli aveva salvato la vita: gli mancavano le comodità di casa, i camerieri, le sue babbucce col pelo.

«9×19 Parabellum», aveva detto Fracca dopo aver controllato il caricatore. «Ha ancora tre colpi.»

«Ma prima ha fatto cick!», aveva detto Barbieri.

Fracca aveva ignorato le patetiche scuse del Gran Maestro delle Polpette, e gli aveva restituito la pistola insieme a un caricatore pieno che aveva pescato da una delle tante tasche del gilè di pelle. Poi aveva incrociato le braccia, lo aveva fissato con la stessa intensità di un lupo che fissa una pecorella smarrita, e gli aveva chiesto quanto ne sapesse.

«Di cosa?»

«Ma della situazione, Cristo! Dell’Apocalisse! Degli zombie!», aveva sbraitato Fracca.

Barbieri aveva fatto una faccetta buffa e gli aveva confidato che, vivendo al quarantacinquesimo piano, e avendo a disposizione tre camerieri, quattro cameriere, un personal trainer, due personal chef e un maggiordomo, non usciva di casa da parecchie settimane.

«Ma sta cosa dell’apocalisse, come l’hai chiamata tu, mi pare un po’ esagerata! Quando facevo la stagione estiva a Rizzone, la notte tra sabato e domenica, sì che se ne vedevano di ogni… »

Fracca, a quelle parole, l’aveva acchiappato per le spalle e gli aveva dato una scrollata.

«Questa è la fine del Mondo, Chef! Se ne deve rendere conto! La situazione, nelle ultime settimane è degenerata! Il Virus Zombie, quello che si trasmette se vieni mozzicato da uno zombie, è ormai fuori controllo! L’Esercito se ne sbatte, il Presidente se ne sbatte, il Governo se ne sbatte: ci hanno lasciato da soli, se ne rende conto?», aveva sussurrato continuando a sbatacchiare Barbieri per le spalle. «Se ne rende conto?»

A Barbieri sembrava di essere appena sceso dal Tagadà più puzzolente del mondo: lo stomaco in subbuglio, le gambe che facevano Giacomo Giacomo. Ma poi aveva strizzato gli occhi: forse quel Fracca aveva ragione. Forse era per quello che del suo personale di servizio era rimasto solo il maggiordomo. Aveva valutato di licenziarlo giusto quella mattina… quell’incompetente era rientrato in casa, dopo essere sceso al bar per ritirare la colazione per lui e per Bastianich, e si era presentato con la livrea tutta sgualcita e con una manica a penzoloni. E con un orribile morso in via di putrefazione sulla guancia.
L’aveva raccontato al suo Salvatore.

«Se è stato morso… », aveva detto Fracca. Poi aveva disegnato un segno della croce nell’aria.

«Porco Zuda… », aveva detto Barbieri massaggiandosi pensieroso la mascella. «Quindi, se il maggiordomo è stato mozzicato, significa che Bastianich… »

Al MIAO MIAO faranno conoscenza con...

  • un cuoco (14%)
    14
  • una prostituta (57%)
    57
  • un portiere notturno (29%)
    29
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

117 Commenti

  • Ciao, Martha.
    Hai capito il caro Barbieri? Lui sì che non si fa infinocchiare, porco Zuda.
    Bel racconto, sempre scorrevole e ricco di spunti divertenti. Un mix o meglio una fusion di idee, generi e personaggi; se a Masterchef si valutasse la scrittura (forse si chiamerebbe Masterwriter), ti manderebbero subito in balconata.
    Brava, Martha…
    Ci rileggiamo, anzi, il tuo nuovo racconto l’ho già sbirciato e ora vado a commentare.

    Alla prossima!

    • Grazie cara ❤️ e grazie per avermi fatto compagnia durante questa stramba storia! I tuoi complimenti mi fanno sempre piacere, e mi raccomando: scrivi presto, porco Zuda XD XD ??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️

    • Grazie cara ❤️ Grazie veramente per essere stata con me ??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️ la nuova storia è ovviamente già disponibile, ché sono troppo gasata per prendermi una pausa XD Genere diverso, ma gli zombie non li mollo ??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️

  • Però! Un finale molto particolare. Ero rimasto un po’ così quando Barbieri ha sparato, ma la voce alla Tex Willer ripaga tutto 😀

    Beh, che dire? Racconto che mi ha fatto sorridere e schifare allo stesso tempo 😛 Il che significa che hai colpito nel segno.

    Noi ci leggiamo alla prossima storia 🙂

    Ciao 🙂

    • Grazie caro ❤️ e grazie per avermi fatto compagnia durante questa stramba storia ! Beh, se ti ho fatto sorridere allora sono veramente soddisfatta: lo schifio era compreso nel prezzo, per cui… XD Grazie mille davvero, e scrivi presto ??‍♀️??‍♀️??‍♀️??‍♀️

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi