Gente, ed altre cose.

Dove eravamo rimasti?

Non abbandoniamo ironia e gioco, però adesso: Aggiungiamo un che di fantascientifico. (57%)

La fumata

— Così ti piace la barista–ta? — Fighero tagliava i capelli al cugino Tatà in cambio di un consiglio: che fare con Anita? — Se ti piace pigliatela, prima che lo faccia un altro-ta. Cerca di incuriosirla-ta, sorprenderla… Per esempio: pare, dicono, che domani-ta sul tardi potrebbe esserci la “Fumata” giù alla Terra Rossa-ta: portacela, magari siete fortunati e riuscite a vederla-ta.

Detto fatto la sera dopo Fighero si offrì di accompagnare Anita a casa, e propose una piccola deviazione verso il mare. Anita da principio non voleva andare, l’idea non le piaceva; pensava che gli uomini quando propongono fumose deviazioni spesso cercano solo chiarissime scorciatoie per i loro comodi; poi però accettò.

La strada era una scriminatura dritta in mezzo ai boschi che presto cedevano a una campagna ricca di canali strozzati dal fango tra le canne, macchiata di pozze d’acqua larghe, poco profonde. Erano acque di rospi, carpe e uccelli di passaggio, prima della Terra Rossa e del mare uggioso nella notte scura.
La “fumata” era una cosa che avveniva con cadenza quasi fissa ogni mese, e che nessuno sapeva veramente spiegare. Una nube si levava improvvisa da una depressione del terreno intrisa di acqua salmastra che filtrava attraverso le dune, e si colorava del rosso della terra tutt’intorno.
Per l’occasione s’era adunata molta gente. Tutti quando furono investiti dalla attesa, densa nube grigia, presero a urlare di giubilo e stupore.
Anita no, lei con la nebbia subito s’era persa. S’era ritrovata chissà come, sola, là dove la strada si arrendeva alle dune, nel punto in cui ai suoi occhi una frattura nel terreno, una ferita dal cuore caldo, bianco come acciaio fuso, emetteva una intensa luce che riverberava tutt’intorno. Non c’era altro, solo quella luce, e l’eco della risacca.
Poi però, ecco comparire delle ombre; erano in cammino, in ordinata fila, e la invitavano col gesto a seguirle, non c’era animosità in loro, né fretta alcuna, e non c’era paura in lei, solo smarrimento.

Più tardi anche Fighero si ritrovò smarrito. La compagnia s’era sciolta ed era rimasto solo il mare. Camminava nel buio, incerto, le scarpe intrise di una fanghiglia rossa. Avrebbe dovuto chiamare, gridare, ma era tutto così ridicolo!

— Che ti è successo? Dove sei stata? — chiese arrabbiato vedendo Anita riapparire dopo un tempo indefinito, da uno sfondo indefinito; era una macchia più chiara del nero, più scura del grigio che pian piano prendeva corpo: era un viso rigato di pianto, e grandi occhi ancora più grandi, acquosi; era un respiro affannoso, un rantolo. — Ma che cazzata!, grazie Tatà, grazie del consiglio, sei un fenomeno! — gridò a gran voce prima che, improvvisamente, lei perdesse i sensi.

Un’ora dopo la rivide uscire dal pronto soccorso, tranquilla e beata come se niente fosse accaduto.
— Mi hanno sgridata, a me e pure a un’altra ragazza — spiegò — dicono che non ci dovevamo andare…
— Andare dove? Ma che stronzi!
— …dicono che è stata la CO2.
— E tu ci hai creduto?
— Sicuro! Se lo dicono gli stronzi! Adesso mi porti a casa?
*
Alle tre di mattina Fighero era di nuovo in macchina e pensava:
“E adesso a chi la racconto questa?”
Anita, una volta a casa, gli aveva detto di aver visto sua madre, e una sfilza di altra gente senza corpo, che comunicava tutta lo stesso messaggio: Stiamo costruendo il futuro. Vuoi farne parte? Ti riporteremo là da dove siamo venuti, su Andromeda, ma devi darci un figlio. Tua madre ha offerto te, tu cosa offri? Hai un compagno? Se vuoi te lo troviamo noi, scegli. Portaci un figlio e sarai tra gli eletti; hai poco tempo, non aspettare tempo; questa stagione sta per finire, poi sarà solo morte, e la Terra una poltiglia informe.
— Che significa? — aveva chiesto Fighero.
— Significa che non ho scelta. Devo, dobbiamo dargli un figlio.
Dobbiamo?
— Certo, in fondo se siamo a questo punto è colpa tua.
Il ragazzo incredulo, sconcertato, aveva provato a replicare, ma lei alzando la voce aveva cercato di trascinarlo sul suo letto di rose. A quel punto, smesso di pensare, s’era buttato per le scale, e via!

La strada del ritorno era lunga, trenta chilometri; li fece tutti in apnea, inseguito dal rimorso: l’aveva scampata, ma l’aveva anche lasciata sola. “Sono un vigliacco” pensava. Quando fu a casa, chiusa la porta alle sue spalle, espirò, e guardò al telefono. C’era un messaggio: “Che fine hai fatto? Non mi hai detto di avere una doppia personalità. Prima scappi, poi torni e sembri un tuo gemello molto scafato. Hai profittato di me!, e noi, ora, dobbiamo parlare. Domani mi spieghi tutto.
P.s.: Mi è piaciuto lo spettacolo, ok”.
*
La mattina dopo, molto presto, Fighero fu svegliato da un picchiettare ostinato alla finestra. Cavolo, incredibile a dirsi, c’era un pappagallo là fuori… lo fece entrare: era Cocò, sobrio, elegante, indifferente.
— Cocò, amico mio, deo gratias!, aiutami — implorò — io sto impazzendo.
Il figliol prodigo, chiamato in causa, dal suo scranno sulla credenza sentenziò:
— Crr, ti ha piasciuto la spattacolo occhey?!

Che impatto avrà la "visione" sulla vicenda?

  • Fighero crede che Anita sia un po' (tanto) matta, ma è pazzo di lei. (29%)
    29
  • Cercano una risposta insieme, una qualsiasi risposta sensata (71%)
    71
  • I due litigano non si fidano l'uno dell'altro, si separano (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

56 Commenti

  • Ciao Fenderman!
    L’amore è troppo presto, aspettiamo ma aspettiamocelo!
    Brava persona Fighero, fanfarone ma persona di cuore, perché ce ne vuole per innamorarsi di questa tipa strana anziché no. In due contro il mondo, prescindendo da esso; un bel quadretto. Scelgo la madre e ti auguro buona serata.
    Ciao!

  • Ciao, Fendeman.
    Accidenti, questa ragazza è davvero complicata… mi sembra di rivivere un po’ (non c’entra nulla, ma cmi ci fa pensare) VIta di Pi… qualcosa si nasconde dietro questa situazione assurda e io voto la ricerca della verità per venirne a capo.
    Come sempre, ottimo lavoro; i dialoghi un po’ ingarbugliati, come da vita vera. 😉

    Alla prossima!

  • Capitolo 5)

    Ciao Fenderman!

    Mi hai troppo incuriosito con la storia della madre, quindi voglio vederci chiaro (o quasi) su quella faccenda.
    Capisco perfettamente il discorso dei generi, è una riflessione che condivido pienamente. Le etichette possono tornare utile ai lettori, per individuare più o meno un qualcosa di specifico da leggere, ma nella scrittura c’è troppo per essere costretto all’interno di un solo e unico genere. Viva le sfumature!
    Come sempre i tuoi dialoghi intriganti, nonché le forme che metti in uso.
    Non mi pare di aver trovato niente fuori posto. Bene così!

    Aspetto il prossimo!

  • Ciao, sai una cosa? Da una così io scapperei a gambe levate, ma siamo in un racconto e quindi tutto è possibile!!! La domanda che comunque mi faccio è: ma lei, ci è o ci fa? In ogni caso un po’ matta lo è!!!
    Ho votato per alla ricerca della verità, ho troppe domande nella testa a cui rispondere!!! Alla prossima.

  • Alla ricerca della verità! Volevo votare un’altra cosa ma quel titolo mi attira troppo 🙂

    Questo capitolo è un… casino: il povero Fighero non riesce a capire con chi ha a che fare e nemmeno Anita. Ed a quanto pare ce ne un terzo incomodo che incomoda ancora di più le carte. E la pillola del giorno dopo per me è una gran fesseria.

    Ora sono più curioso di sapere dove ci porti.

    Ciao 🙂

  • Ciao, mi è piaciuto il “bagno di CO2”!!! ora, però, sono curiosa di sapere se è stata un’allucinazione (compreso il gemello), se lei è una sciroccata o se esistono gli alieni/fantasmi!!! Sai un’altra cosa? La scena sarebbe stata degna di un opera di Dante o di Omero…
    Ho votato per cercano una risposta insieme, diamogli una possibilità a sti due!!! Alla prossima.

  • Ciao Fenderman!
    Bellissime descrizioni e atmosfere! La nebbia è alleata del mistero, gli “alieni” sono una trovata divertente, così come il proposito di dar loro un figlio.
    Complimenti per come hai descritto il loro avvicinamento al luogo, la natura e persino i colori, laddove ci si immagina solo un grigiore totale. Scelgo l’amore di Fighero, che crede sia matta. Mentre lui è lucido.
    Buona giornata ciao!

  • Capitolo 4)

    Ciao Fenderman!

    Gran bel risvolto!

    Mi hai appassionato dall’inizio alla fine, e questa nuova strada mi piace tantissimo. Ci si sposta forse verso altri generi? Mi divertirebbe parecchio la cosa.
    Dico che collaboreranno: c’è troppa sintonia, e a questo punto vogliamo esplorare di più la vicenda.
    Mi pare che tutto fili a dovere.
    Aspetto il prossimo!

  • Ciao, Fenderman.
    A leggerne i comportamenti, parrebbe proprio che Fighero sia innamorato pazzo di Anita, ma, certamente, un po’ dubita della sua integrità psichica😅. Quindi, alla fine, si è fatta un bel trip al CO2, gente morta che arriva da un altro mondo, che non è l’aldilà, ma un altro pianeta (o un altro mondo?).
    E ora cosa farà? Troverà il modo di capire? Perché, va bene l’amore, ma un figlio da donare a una visione mi pare un po’ troppo. 😉
    Sempre sul pezzo, la scriminatura tra gli alberi è molto evocativa. Bravo.

    Alla prossima!

  • Ciao Fenderman!
    Secondo me lui è sincero; è proprio così, insolente “buono”, non lo fa apposta. È simpatico, solo un po’ fanfarone. E Anita ne è attratta. Chissà perché lo facevo più vecchio nella prima puntata, ora lo vedo meglio.
    Direi spazio ai sentimenti, la fantascienza aspettiamo, non sempre la capisco.
    Ciao buon tutto!

    • Ciao Minollo, grazie.
      Questa storia che resta saldamente attaccata ai sentimenti dovrà necessariamente inglobare un briciolo di fantascienza che certamente influirà sulla trama.
      Fighero e Anita saranno messi alla prova, ma chi in amore non lo è?
      Grazie, esce il nuovo capitolo.🙋

  • Capitolo 3)

    Ciao Fenderman!

    Spero di non arrivare troppo tardi, in questi giorni non ci sono tantissimo con la testa. Questo capitolo mi ha colpito, tanto che voto per i sentimenti. Alcuni passaggi, come quello del cappello e dei collant mi hanno trasmesso delle belle vibrazioni, del tutto in sintonia con l’atmosfera spensierata ma razionale di certi atteggiamenti che descrivi. Una bella lettura!
    Tolte le 3 virgolette in Amicio, non mi pare di aver trovato altro da segnalare. Però ho avuto l’impressione che in alcuni passaggi tu sia stato costretto a qualche taglio. Possibile? Ho avuto la sensazione che ci fosse altro da descrivere.

    Le opzioni era tutte accattivanti, quindi a prescindere mi riterrò soddisfatto!
    Sempre fortissimo.
    Alla prossima!

    • Ciao Giuseppe, ti rispondo subito tanto ero qui…
      L’apostrofo prima di una parola virgolettata non piace neanche a me, se posso lo evito ma l’ho visto tante volte in tanti testi diversi che mi sono permesso di considerarlo “accettabile”. In quanto ai tagli che dire: più che tagli veri e propri sono l’esito della sintesi che per noi dei 5000 è un incubo. A volte la sintesi è eccessiva e l’impressione che se ne ricava è effettivamente che manchi qualcosa. Diciamo che il lettore dovrà “interpretare”, lo so che è faticoso ma per noi che scriviamo è anche un esercizio. Una lettura meramente didascalica potrebbe anche annoiare😉,
      Grazie!!! Ciao🙋

  • Ciao, vuoi vedere che con i miei dubbi sballati d’accento ho aiutato Fighero a rimorchiare!!! Le premesse ci sono tutte. Ora, però, dobbiamo vedere come il fato ci si metterà di mezzo!!!
    Ah, Gippo ha detto che se vuoi passare a leggere l’ultimo episodio, l’ha pubblicato!!!
    Ho votato per il fantascientifico, continuiamo con l’ironia e il gioco!!! Alla prossima.

    • Ciao Isabella, l’idea di giocare col nome strambo di Fighero c’era, il tuo intervento ha corroborato l’intenzione e dunque…
      Adesso però, tra Fighero e Anita accadrà qualcosa? Sembra possibile, vediamo se un pizzico di fantascienza può aiutare o magari complica le cose! grazie, ciao
      🙋🌻

  • Ciao, Fenderman.
    Questa storia è troppo carina, sincera. Lasciamola, per ora nella leggerezza. Voto il fantascientifico, sono curiosa di sapere cos’hai in mente. 😉
    A me, questi due, paiono due anime sole che altro non aspettavano che incontrarsi, li hai costruiti bene, con cura, proprio come si fa per affezionare il lettore, bravo.
    Fantastica la chiusa.

    Alla prossima!

  • Aggiungiamo un che di fantascientifico!

    Fighero è veramente strambo: non si capisce se ci fa o ci è. In ogni caso gli piace la bar-ista (magari per attinenza con bar-biere 😛 ).
    Il pappagallo scappato via è la cigliegina sulla torta 🙂

    Di Anita conosciamo poco, ma già il fatto che abbia un gatto me la fa risultare simpatica 🙂 Come i baffi che si disegna 😀

    Ciao 🙂

    • Ciao Nina, grazie del commento.
      A proposito dei “giochi di parole” volevo farne uno dei temi del racconto accostandolo alla vera e propria farsa. Ora voi lettori avete scelto di dare un taglio più serio e allora spostiamo l’attenzione su Fighero il barbiere e Anita la barista, sulle loro vite, e sul loro incontro. Vado a pubblicare il terzo cap. A prestissimo! 🙋🌻

  • Ciao, Fenderman.
    Intanto, complimenti a te per la copertina e agli autori perché è davvero molto bella.
    Veniamo al racconto, si prosegue con storia a puntate (va bene lo stesso, cercherò di prestare attenzione😉).
    Quando ero giovane ho lavorato in almeno due bar e qualche ristorante, conosco i personaggi che frequentano i bar di quartiere e, ripensando a uno degli episodi di American Horror Story, convengo con una delle protagoniste che immaginava (o forse addirittura viveva) il suo inferno personale come impiegata in un fast food. I bar (tipo dopo lavoro ferroviario) sono un posto orrendo per una ragazza e non invidio la povera Anita, tu lo hai descritto bene, con leggerezza, ma manco poi tanto (la lacrima un po’ tradisce il poco amaro che c’è), e io aspetto di sapere come prosegue. Voto le storie complicate e ti auguro una buonissima giornata alla larga dai circoli e dai “dopo-lavoro”.

    Alla prossima!

  • Ciao, della serie “homen nomen” (se non ho sbagliato a scrivere in latino)!!! Conoscendoti mi chiedo, cosa capiterà ora alla “strana coppia”?
    Ah, in veneto “figaro” (con l’accento spostato sulla a) significa albero di fichi, e a Roma? Ops, forse mi sono lanciata un po’… così.
    Ho votato per storie complicate, perché amore divertimento e guai sarebbe stato troppo scontato!!! Alla prossima.

    • Ciao Isabella. A Roma Fighero non ha corrispondenza, che io sappia, il fico è fico. Solo i fichi qualcuno un tempo li chiamava al femminile : le figora, o ficora accento sulla “i”, ma è un vocabolo dimenticato e ahimè i fichi stessi sono ormai quasi un frutto “esotico” forse perché crescendo spontanei non avevano bisogno di essere coltivati e anche oggi nessuno dalle nostre parti li coltiva.
      Vado a pubblicare il terzo cap in cui si torna sul tema, anche se in altri termini. Grazie, ciaooo🙋🌻

  • Capitolo 2)

    Ciao Fenderman!

    Mi hai decisamente messo di buon umore, dando come sempre una grande prova della tua capacità di scrittura!
    Il tutto mi è perso quasi un cartone animato, tipo Braccio di Ferro. Lo vedrei perfetto per un corto animato. Complimenti.
    Se mi piace leggerti, c’è un motivo: è la tua capacità di dare al narrato un tono differente a seconda della situazione, e in questo caso è super evidente. Il narratore si diverte nel raccontare, sbilanciandosi anche in qualche commento che ben si sposa con l’idea proposta. Il tono sprezzante permette di leggerti con la stessa anima ma con un taglio espressivo differente. Ben fatto!
    Hai messo all’interno della storia dei temi da vecchio mondo, ma sempre attuali. Continua a osservare la gente, continua: riesci a raccontarcela in modo squisito.
    Alla prossima!

  • Ciao Fenderman!
    Voto per le storie a puntate, le più divertenti da scoprire. Avere Fighero come tosatore non sarebbe male, così parla lui perché io non so mai cosa dire! Affascinante leggere di un uscire, figura mitica meno diffusa di una volta, e che, da ignorante, accosto meccanicamente alla tua città. I personaggi al solito sono simpatici, soprattutto Fighero con le sue arie da divulgatore.
    Buona scrittura e felice giornata!

    • Ciao Minollo, bentornato, grazie del commento.
      Da noi gli uscieri non sono mai passati di moda anche se
      si sono modificati e hanno assunto caratteri meno sanguigni (e genuini aggiungerei).
      Fighero, poi, il “barbiere”! Capirai, un’altro essere in estinzione… Bello ricordare che c’erano, erano tanti, e siamo, almeno io, cresciuti con loro.🙋

  • Ciao, ma dove li scovi sti personaggi così… “particolari”? Anche se a Venezia, ai tempi dell’università, passavo sempre davanti a un barbiere “scienziato”!!! Mi ricordo che esponeva in calle libri vari e tutte le notizie sulle sue ultime “invenzioni”!!!
    Ho votato per una storia a puntate, ma solo perché nell’indecisione ho optato per la risposta più votata!!! Alla prossima.

  • Ciao, Fenderman.
    Tra te e GG non so come andrà a finire, per me intendo: siete troppo prolifici 😅😂
    Carina la storiella, breve e scanzonata come sai fare tu. In pochi tratti quasi ci racconti la vita della gente in attesa, e ce ne vuole.
    Da egoista voto le storielle, più facili da seguire per me in questo periodo e meno cose da ricordare per tenere il filo della trama.
    Mi è piaciuto questo inizio, aspetto il seguito.

    Alla prossima!

  • Io voto una storia a puntate perché mi sembra adatta a questo Fighero ed il branco di “anime”, pardon, utenti che aleggia lì intorno 🙂

    Ciao e bentornato con la nuova storia! 🙂
    Personaggi caricaturali ed al contempo molto veri. Punto sul “raghezzino” ed andiamo avanti 🙂

    Ciao 🙂

  • Capitolo 1)

    Ciao Fenderman, e bentornato! 😀

    Questa storia ha le tue solite caratteristiche, ma nel comparto descrittivo ho notato più che mai quella caratteristica pirandelliana. Il tutto mantiene quel senso spensierato e riesce a farci sorridere per tutto il tempo, sia per i discorsi fraintesi che per la genuina ingenuità – scusa il gioco di parole.
    Io voto per una storia a puntate!
    Non mi pare di aver notato niente fuori posto, quindi buono così!
    Aspetto il prossimo! 😀

    • Grazie, GGP
      I tentacoli Pirandelliani giocano con me come buchi neri, tanto che anche Ottaviano con Ibiscus m’era andato a cascare sulla tematica complessa di “Così è se vi pare”.
      Non so che farci, sarà la passione per il teatro e la voglia di scavare nella testa della gente che gli autori di teatro hanno.
      Detto questo, restiamo umani, come dice il gorilla della pubblicità. Speriamo di continuare con lo stesso spirito un po’ serio, un po’ leggero sulla strada che vorrete.
      Grazie, ciao🙋

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi