Una Gioco molto Reale: Tornare a casa

Accidenti a quei due!

Ricordi…

La battaglia contro Ircen e Mark si è conclusa a tuo favore, ma purtroppo i dadi non ti sono stati favorevoli e ti sei ritrovato circondato da Worg della Notte; Woff è giunto in tuo soccorso e sei riuscito a fuggire, grazie anche a Mia ad a Feya, la coniglietta umanoide che ti aveva già salvato all’inzio. E poi? Cos’è successo poi?

***

Ricordi…

Tu, Adele, Massimo e Roberto stavate giocando ad un gioco; il vostro compito, riportare Lars, un uomo lupo, a casa. Reginald, la vostra guida ed arbitro al gioco, vi guidava nell’immaginario che si stava creando. Ma Lars non era solo un personaggio: Runa Lobo voleva davvero tornare a casa. Ma qualcosa è andato storto ed ora siete tutti intrappolati nei vostri personaggi! Come fare per tornare a casa? Ma sopratutto, Massimo e Roberto, vogliono davvero tornare a casa?

***

Ti riprendi che ti senti intorpidito. Mia sta dormendo sul tuo petto. Feya, accanto a te, sta finendo di mettere via alcune cose. Il cambio del tuo respiro sveglia la gatta e fa girare le orecchie alla coniglietta.

«Ben svegliato» ti dicono entrambe.

«Cos’è successo?» chiedi.

«Ircen è riuscito a pietrificare il tuo braccio – ti risponde Feya – ma abbiamo fermato la maledizione prima che si espandesse al resto»

Ti osservi: la spalla è libera e quindi puoi parzialmente muoverlo, ma tutto il resto è un ammasso di pietra. Storci la bocca: questo è un grosso problema per la Spada di Adamantio.

«Ma perché Ircen e Mark ci hanno tradito?» chiede Mia.

«Stanno seguendo gli ordini del loro io terrestre – rispondi – non so per quale motivo, ma sono convinti che uccidendo il mio io terrestre, il tuo io terrestre si innamorerà di loro»

Non riesci a comprendere la faccia di Mia.

«C’è qualcosa che non so?» chiedi.

«Reign ci aveva promesso di riavvolgere il tempo se avessimo seguito le sue istruzioni – ti risponde dopo un attimo – Ci ho creduto pure io. Io, non il mio io terrestre. Per fortuna a me ha fatto rinsavire e ho mandato Woff in tuo soccorso»

«Solo che i dadi sono sempre dalla parte di Reign» commenta Feya.

«Ma a me è capitata una probabilità su 100» ricordi.

«E questo significa che abbiamo qualche possibilità di farcela – sorride Feya – ma il problema rimane: attualmente siamo al sicuro a casa mia, ma appena fuori di qui, i Worg della Notte ci daranno la caccia»

«La magia di Mia oppure Woff non potrebbero darci una mano?» chiedi.

«I dadi hanno decretato la caccia – risponde Feya – appena usciamo di qui, inizierà»

Sospiri.

«D’accordo – dici cercando di alzarti; con un braccio solo è difficile – quanto tempo possiamo stare qui, al sicuro?»

«Un giorno – risponde Feya – forse due ma non garantisco»

«Un giorno ce lo faremo bastare – dichiari – Prima cosa: si può fare qualcosa per il mio braccio?»

«Non che io sappia» risponde Feya.

«Nemmeno io, ma Adele, il mio io terrestre, sa che esiste una fonte, proprio qui nella Foresta dei Sussurri, in grado di guarire da qualsiasi cosa, maledizione compresa»

«È una leggenda» dichiara Feya.

«Ma Adele è convinta che ci sia – risponde Mia – Purtroppo il cambiamento fatto da Reign ha invalidato il luogo dove si trovava»

«Seconda cosa – chiedi – Come funziona la “caccia”?»

«Molto semplice – risponde Feya – esci di qui ed i Worg ti fiuteranno subito, si metteranno sulle tue tracce e cercheranno di prenderti»

«Solo i Worg? I mostri che mi hanno assalito la prima volta?»

«Solo i Worg! Certo, se fuggendo ci avviciniamo a loro…»

«E chi ha detto di fuggire?» ghigni.

«Non puoi combattere con quel braccio e l’ululato dei Worg ti farà tremare le gambe»

«Non ho detto di affrontarli a mani nude. Ultima cosa: a quanto ho compreso, Mia, tu puoi usare la magia anche se sei in forma di gatta»

«Solo in braccio a Feya e non so il perché» risponde.

«Perché la nostra brava Feya è in grado di dare fiducia a chiunque»

La coniglietta arrossisce lievemente mentre sorride.

«Allora Mia, saresti in grado di ricreare le nostre figure, come hai fatto prima?» chiedi.

«Non credo cadrebbero due volte nello stesso trucco» risponde lei.

«No, immagino di no – rifletti – Hanno istituito la “caccia” perché loro non possono affrontarmi. Perché questo? Qualcuno di voi sa cosa hanno decretato i dadi questa volta?»

«Nulla» rispondono entrambi.

Cammini avanti indietro. Hai un’idea di come muoverti ma c’è qualcosa che ti sfugge. Reign ti vuole morto e non sai ancora il perché, Mark ed Ircen, stanno seguendo gli ordini del loro io terrestre e pensi che siano i più grossi idioti del mondo eppure i dadi hanno deciso che nessuno di loro debba affrontarti ora. Quindi hanno optato per la “caccia”. Ma perché? Non potevano mandare i mostri come l’altra volta? E perché questo luogo è sicuro?

«È casa mia – dice Feya come se ti avesse letto nel pensiero – Ho fatto in modo che i Worg non possano sentire il tuo odore. Ma non durerà per sempre»

Sorridi verso Feya: il tuo odore, forse questa può essere una soluzione. La domanda è: come è meglio muoversi? Cosa fare per primo?

Già, cosa vuoi fare?

  • La priorità è evitare la "caccia": se Feya è in grado di nascondere gli odori, forse con l'aiuto di Mia si può estendere la cosa! (40%)
    40
  • La priorità è capire perché loro non possono o vogliono affrontarti: Woff e Mia potrebbero darti una mano! (10%)
    10
  • La priorità e riacquistare il braccio: cerchiamo la fonte ed al diavolo la "caccia"! (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

153 Commenti

  • Ciao, mi piace quando nei finali i personaggi “immaginari” prendono le sembianze di quelli reali, è come se la storia non avesse una vera e propria fine!!! E da come l’hai messa tu, credo che la storia non avrà mai una vera e propria fine!!!
    Complimenti e per la prossima storia sto perdendo le prime puntate per mancanza tragica di tempo, sperò però di poter recuperare al più presto. Intanto buon proseguimento di settimana

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi