Hypnotize

Dove eravamo rimasti?

Lavinia e John uniti nella vita e nella morte... anche dopo? Nicholas volerà a Charleston... ormai è chiaro, Lavinia lo sta chiamando! (44%)

Charleston

Quando il corpo viene privato del sonno troppo a lungo si finisce con il confondere il giorno con la notte. È così che mi ritrovo a gironzolare senza una meta precisa per le strade ormai deserte, unico essere vivente sveglio in tutta la città. A farmi compagnia le luci al neon di un postribolo: con una lettera malandata che si spegne e si accende con un tremolio, l’insegna recita pee(p) show e mi ricorda che, in effetti, devo pisciare.

Mi infilo nell’unico bar ancora aperto, non sono certo uno di quegli animali che se lo tirano fuori ad ogni angolo del strada per svuotare le sentine: il barman mi guarda in cagnesco, probabilmente stava già pensando di abbassare la saracinesca dopo aver buttato fuori gli ultimi due avventori già troppo sbronzi. Mi dirigo subito al cesso (non potrei chiamarlo diversamente, l’odore nauseabondo che emana testimonia lo sfruttamento di una lunga serata), mi libero e mi sciacquo le mani sotto il getto del lavandino. Niente sapone, e niente carta per asciugarmi. Esco con le mani ancora umide sollevate come quelle del chirurgo, aprendo la porta con il gomito, e subito dopo mi siedo al bancone per ordinare qualcosa.

Mentre il barman versa il mio veleno mi guardo intorno: non c’è nessuna donna nel locale. Alzo il bicchiere e lo scolo d’un fiato. Fuoco liquido che mi brucia lo stomaco.

“L’alcol non ti aiuterà a trovare la verità”

Di nuovo quell’ombra, seduta a pochi passi da me, da dove è spuntata?

“Non arriverò da nessuna parte se continui a parlarmi per sciarade! Cosa sei? Un fantasma? Cosa sai di me? Perché sei qui e perché mi sta succedendo tutto questo? Dimmelo!”

“Non troverai mai la verità, se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspettavi di trovare.”

“Di che verità parli? Che c’entro io con due assassini impiccati duecento anni fa?”

“Hai solo un modo per scoprirlo. Trova la verità, e sarai libero”.

Detto questo, l’ombra del Reverendo si allontana fino a dissolversi.

“L’hai visto anche tu” mi rivolgo al barista, che indifferente continua ad asciugare i bicchieri impilandoli sul retro del bancone.

“Visto cosa?” risponde. “Faresti bene a tornare a casa, io qui devo chiudere” con il tono seccato di chi non ammette repliche. Credo mi abbia preso per l’ultimo ubriacone farneticante della giornata. Lascio i soldi sul bancone, e mi avvio verso casa.

Charleston, l’unica via è andare a indagare nei luoghi che furono di John e Lavinia, sperando che due secoli di leggende polverose abbiano lasciato qualche traccia di verità.

Mi sveglio che il sole è già alto, con nelle narici un profumo di magnolia e la dolce sensazione di un bacio sulle labbra: giuro che non ricordo cosa ho sognato, ma quell’istante, tra il sonno e la veglia, doveva essere il paradiso, a giudicare dalla consistenza dell’alzabandiera mattutino. Una bella novità, dopo tutte le notti trascorse in sogni di morte.

Butto quattro stracci in uno zaino, prenoto un volo di sola andata e mi preparo alla partenza.

So che probabilmente non ti importa, ma vado a Charleston per qualche giorno, Tori ti prego, al mio ritorno dobbiamo parlare… mi manchi.

Apro il cassetto del tavolino, e metto in tasca l’astuccio con l’anello.

*

L’Aeroporto Internazionale di Charleston mi accoglie come uno dei tanti turisti in visita alla ricerca dell’antico fascino di edifici storici, carrozze con cavalli, gallerie d’arte e spiagge assolate. Non ho un piano d’azione, non ancora. Non ho decisamente idea di dove iniziare a indagare!

Del Six Mile House non ho trovato tracce su internet, con tutta probabilità l’edificio della locanda avrà lasciato il posto a un centro commerciale, o a chissà cos’altro. Penso sia inutile seguire quella pista.

Accanto al desk per le informazioni turistiche, un volantino tra tanti nell’espositore attira la mia attenzione:

Charleston tour dei Fantasmi, tour a piedi notturno con visita ai sotterranei della Prigione

Apro il dépliant e leggo:

Esplora il lato più oscuro di Charleston e vivi alcuni dei siti più inquietanti della città con un tour notturno a piedi di 90 minuti tra fantasmi, crimini e depravazioni, con ingresso ai sotterranei della prigione!

Attraversa i corridoi e i cimiteri bui del quartiere storico e ascolta dalla tua guida locale storie spettrali di fantasmi, voodoo, superstizione e storie agghiaccianti di veri crimini e orribili scandali.

Completa il tour con una visita alla Prigione del Prevosto, immergiti nelle macabre storie che nasconde al suo interno. Segui la guida lungo le strade acciottolate e i cimiteri di Charleston! Ascolta storie agghiaccianti di fantasmi locali e avvenimenti oscuri, scopri la superstizione e le leggende tradizionali che circondano alcuni degli eventi più controversi della città”

Beh… mi sembra una carnevalata per i turisti, ma da qualche parte dovrò pur cominciare. Prenoto online. Ho giusto il tempo di fare in check-in in albergo, darmi una rinfrescata e recarmi al punto d’incontro, vicino alla Taverna di Big John, all’angolo tra Pinckney e East Bay Street.

Che succederà ora?

  • La visita guidata è un flop: siamo al punto di partenza (0%)
    0
  • Qualcosa distoglie Nicholas mentre si dirige al punto d'incontro (30%)
    30
  • Nicholas partecipa al tour guidato e fa conoscenza di una guida turistica un po' particolare (70%)
    70
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

133 Commenti

    • Felice che la scena ti sia piaciuta… come ho scritto anche a Massimo, è più o meno una rielaborazione di qualcosa di già visto 😁 spero che anche il prossimo capitolo faccia lavorare il cervello… ho grandi aspettative su Randy quindi ti confesso che spero rimanga in vantaggio! 🤣
      A presto 💖

  • Ciao Driade. Che dire.. l’attesa è stata ripagata da un bel capitolo. Molto ben scritto, scorrevole e di facile lettura. Nonostante il tempo passato dall’ultima lettura, più leggevo il capitolo e più mi tornavano alla mente tutte le scene e i personaggi che hai costruito.

    Vediamo cosa vuole Lavinia. A presto 🙋‍♂️

    • Ciao Massimo, grazie per il “wow” 😊 diciamo che per tutta la prima parte “giocavo in casa” (anche un po’ sporco in realtà… ho preso qualche spunto da robe scritte tempo fa 😅 )
      Se mi reggono le forze inizierò a scrivere appena si stabilizza il sondaggio… promesso! credo comunque che ormai abbia vinto Randy, quindi qualche idea sta già frullando nella testa 😁

  • Ciao, ottimo lavoro.
    Bel sogno, brutto risveglio, un incubo al contrario… buffo!
    Per questo vorrei capire la mora dalla pelle bianca che vuole.
    Ci leggiamo fra un mese? Noo, speriamo prima!
    Ciao.
    🙋‍♂️🌻

  • Ciao, Driade.

    Felice di rileggerti, finalmente. Che dire: piaciuto molto l’episodio e come l’hai scritto. Ho riconosciuto anche un pezzettino dei “gessetti”, un racconto che mi piace tanto.
    Non credo di avere dubbi su Lavinia. I reverendi possono riservare sorprese, ma alla fine ho votato per Randy.

    Grazie e alla prossima.

  • Ciao Driade 🙂
    Bentornata dopo la lunga pausa estiva 🙂
    Comincio con il dire che nonostante sia passato molto tempo dall’ ultimo capitolo che ho letto, non appena ho cominciato a leggere il nuovo la storia si è srotolata nella mia mente da sola senza difficoltà 🙂 e questa è la caratteristica principale per un buon romanzo, quindi complimenti 🙂
    Il personaggio di Lavinia mi sta ossessionando anche a me e sebbene ci sono molteplici domande a cui vorrei tu dessi risposta adesso, voto per sapere che cosa vuole veramente Lavinia 🙂
    Vediamo cosa ci tiri fuori 🙂
    A presto:)

    • Ciao Black! Grazie per i complimenti sono felice che la mia storia ti stia piacendo! Questo capitolo mi ha dato del filo da torcere perché ho dovuto tagliare tantissimo per restare nei 5000 caratteri e temevo di non riuscire ad arrivare alla quadra 😆
      Spero che il prossimo venga fuori più agevolmente ma soprattutto più in fretta! 🤣🤣🤣
      Grazie ancora, alla prossima!

  • Ciao Driade.
    Ho recuperato tutti i capitoli e il tempo è volato. Hai una scrittura molto scorrevole, che si legge molto volentieri e che fa sembrare i 5000 caratteri come poche righe.

    Mi piace molto l’ambientazione che hai costruito, così come i personaggi che hai creato e descritto.

    Spero di leggere presto il prossimo capitolo anche se io stesso in questo periodo non ho avuto proprio forze e tempo ed è passato più di un mese tra un capitolo e l’altro 😂

    Ma ti si legge molto volentieri quindi sono certo che il prossimo capitolo sia una bomba come i precedenti.

    Voto per il nero pece e a presto!

    • Ciao LichtHart! Ti ringrazio per aver recuperato tutti gli episodi precedenti… considerando che la genesi di questo racconto risale a ormai tre anni fa (progetto iniziato e abbandonato perché davvero ambizioso per le mie forze all’epoca) posso ritenermi comunque soddisfatta dei balzi in avanti che ha fatto grazie a tutti i suggerimenti ricevuti da quando ho avuto la bella idea di proporlo qui! Il prossimo episodio è in arrivo presto e spero sia all’altezza dei complimenti che sto ricevendo e che mi riempiono di orgoglio 😊

    • Martha ti ringrazio tanto! Ho fatto i salti mortali per riuscire a pubblicare prima di lunedì ma non ce l’ho fatta. Dovrò aspettare ancora qualche giorno ma sono fiduciosa che a breve uscirà il nuovo episodio 😊 spero ti piacerà!
      A presto

  • Ho letto con interesse i primi due capitoli, ripromettendomi di leggerne altri due domani. Una storia con gli ingredienti giusti, affascinanti e misteriosi, che sicuramente incuriosisce e ti mette quel disagetto che a me piace tanto. Sono curioso di sapere alto, e non ti nascondo che se avessi il libro di carta tra le mani non mi sarei sicuramente fermato qui. Bene bene bene.

  • Ciao, Driade.

    Mi è piaciuto molto questo settimo episodio. Sembra proprio che sia sgrezzato, non ho trovato inciampi nella lettura a parte la frase “Davanti all’antica costruzione dalla solenne facciata di torri merlate sento che un’ombra ci segue da lontano, come un brivido che mi corre lungo la spina dorsale.” Il paragone tra l’ombra che segue da lontano e il brivido che corre lungo la schiena è quanto meno originale, anche se ti dico la verità non l’ho capito. Ma, come ti dicevo, è l’unico inciampo in cinquemila battute. Tutto il resto gira bene, anzi molto bene.

    Grazie e alla prossima.

    • Ciao Achillu grazie per essere passato! In realtà quello che volevo dire è che Nicholas “sente” che c’è l’ombra di qualcuno che lo segue, più che vederla definitamente, per questo ha un brivido… evidentemente non mi è venuto benissimo 😅 il prossimo episodio è ahimè in stand-by, tra gli impegni di lavoro e il caldo che mi fiacca non riesco proprio a proseguire! Attendo con ansia le ferie 🤣

  • ciao,
    ho finito adesso di leggere tutti e sette i capitoli della tua storia. Mi era sfuggita prima, ma ho rimediato con piacere.
    le storie di mistero e di fantasmi mi attirano e la tua è ben scritta e accattivante. ti seguo e ti auguro un buon fine settimana. Alla prossima Driade

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi