Cavalcando Il Fulmine

Dove eravamo rimasti?

White decide di accettare l'invito della misteriosa Julia. Cosa troverà ad aspettarlo? Un Viaggio Al Chiaro Di Luna (59%)

Un Viaggio Al Chiaro Di Luna

Un Viaggio Al Chiaro Di Luna

White Parcheggiò l’auto di fronte al numero 4 di Luthor Road alle 19.50. Al suo fianco Kin fumava nervosamente.

La strada era un vicolo cieco completamente avvolto nell’oscurità, fatta eccezione per un paio di lampioni che emettevano una pallida luce giallastra. La porta del numero 4 era l’unica ad essere illuminata dalla luna piena.

Segno del destino?” pensò White. Il sorriso di Julia ancora impresso nella mente.

“Sei sicuro di quello che stai facendo Rob?” lo guardò Kin “Sento puzza di bruciato”.

“Per questo resterai in macchina. Andrò io da solo, disarmato” disse White seccato aprendo lo sportello.

“Per me ti sei bevuto il cervello” concluse Kin con gli occhi al cielo.

“Dammi venti minuti” disse White “Se non torno allora, interverrai” e chiudendo la portiera, si diresse verso la casa.

***
Bussò alle 20.00 in punto e la porta si aprì istantaneamente. Julia lo fece accomodare con il suo bellissimo sorriso.

White si mise a sedere su una poltrona senza togliersi il giubbotto. Julia invece era scalza e indossava solo uno top scollacciato arancione e degli short in jeans.

“Posso offrirle qualcosa signor Robert White?” ruppe il ghiaccio Julia

“Interessante, conosce il mio nome” disse White rimanendo impassibile

“E lei conosce il mio! Così saltiamo i convenevoli” sorrise la ragazza, molto confidente. “Succo alla mela? So che non beve in servizio”

“E sia” rispose White alzando un sopracciglio. La ragazza, sapendo di aver colto nel segno, si voltò dirigendosi in cucina.

“Metto qualcosa in sottofondo” disse premendo il tasto play su un piccolo stereo. La voce di Jim Morrison inondò la stanza.

Julia torno con un vassoio e due succhi di frutta. Poi si mise a sedere sul divano accanto a White

“Senta signorina, io non sono solito perdere tempo” cominciò White “Lei ha detto di avere delle informazioni utili riguardanti Nadine Bernasheaux”.

“Forse è meglio che si tolga quello” disse Julia ridendo e distendendosi sul divano “I riscaldamenti sono al massimo qua dentro”

White la osservò senza cambiare espressione “Non mi tratterrò molto” disse prendendo il taccuino. “Ha veramente delle informazioni?”

Julia smise di sorridere ma rimase nella stessa posizione “Conoscevo Nadine, era mia amica, abbiamo fatto il college a Cambridge insieme. Era venuta a vivere a Londra per lavorare al Liuthon. Glielo avevo trovato io il lavoro”

“Si spieghi meglio” disse White con un click della biro.

“Dopo il college i genitori, premevano per farla diventare un medico contro la sua volontà, ed io le ho dato una mano a fuggire”

“Storia interessante. Invece cosa mi sa dire di un certo Bob Stilton?” proseguì White

“Non molto” rispose secca. White colse qualcosa nel profondo dei suoi occhi “So solo che stessero frequentando, ma lei non l’ha mai fatto conoscere a nessuno. Da quando aveva cominciato a frequentarlo era completamente cambiata” disse facendo spallucce

“Cosa intende?” chiese White

“Aveva cominciato a fumare e bere un sacco. Veniva ogni giorno al lavoro ancora ubriaca dalla notte precedente. Era diventata scontrosa con tutti, anche con i clienti e poi un giorno…”

“Senta” la interruppe White “Come mai ne parla sempre al passato?”

“Perchè Nadine è morta” concluse Julia con una freddezza incredibile

“E cosa le fa asserire ciò” la fissò White dritta negli occhi

Julia si alzò e si infilò un paio di stivaletti.

“Voglio mostrarle una cosa” disse. “La mia macchina e parcheggiata sul retro, per favore guidi lei, io non me la sento stasera”

White fece un cenno con la testa e si alzò. Il bellissimo sorriso tornò sulle labbra di Julia.

***

Let’s swim to the moon
let’s climb through the tide

La radio suonava mentre l’auto scivolava silenziosa nella notte illuminata dalla luna piena. Rapida si muoveva lungo i ripidi versanti di una montagna.

Parked beside the ocean
on a Moonlight drive

La macchina si fermò in un piccolo spiazzo alberato fuori da uno dei tornanti della montagna. White uscì per primo seguito da Julia.

“Proprio in quel punto” disse la giovane indicando la dove c’era della terra smossa sotto un’alta quercia. Aprì poi il bagagliaio e ne tirò fuori una vanga.

White, ancora incredulo, prese la vanga dalla giovane e si diresse sul punto che gli era stato indicato.

Come guidato da una forza invisibile, cominciò a scavare nel punto indicato da Julia. C’era veramente qualcosa sotterrato. White era come ipnotizzato. C’era un piede che spuntava da sotto la terra, ancora non del tutto spogliato dalla carne.

Dalla macchina Jim Morrison urlava

Come on baby ! Gonna take a little riiiide

Julia, che sorrideva ancora, tolse qualcosa dalla tasca. Una piccola pistola e la puntò contro la schiena di White.

“Mani in alto e butta subito la pistola!” Tuonò la voce di Kin .

La sua pistola era puntata contro Julia.

“Oh cazzo!” disse Julia facendo cadere la pistola e alzando le mani, quel sorriso ancora stampato sulle labbra.

White mise di scavare. Anche sulle sue labbra c’era un sorriso

“Sempre al momento giusto, vecchio mio”

White e Kin arrestano Julia! Con che vibe verrà condotto l'interrogatorio?

  • Nient'Altro Importa (24%)
    24
  • Treno Pazzo (29%)
    29
  • Resta In Linea (48%)
    48
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

167 Commenti

  • Ho recuperato un po’ alla volta tutti gli episodi, come al solito😂 Come sempre capitoli ben scritti, la storia lascia sempre col fiato sospeso e un senso di attesa per il capitolo successivo. Peccato che la piattaforma non permetta di scrivere storie un po’ più complesse😁
    Aspetto il prossimo capitolo, alla prossima!

  • Ciao BlackCat0. Questo episodio è davvero intrigante e carico di emozioni. La trama si infittisce con ogni passaggio, lasciandomi con un forte senso di suspense. La combinazione di momenti intensi e l’intrigante scelta musicale con il ritornello di “Fear Of The Dark” aggiunge un tocco particolare.
    Scelgo “Sotto Pressione”. La situazione potrebbe essere molto intensa e carica di emozioni, e questa opzione sembra adatta per esprimere la tensione e la complessità dei sentimenti tra i due personaggi in un momento così delicato.

  • Ciao, Black Cat.

    Under pressure.
    Non ho molto da aggiungere ai commenti di chi mi ha preceduto, in particolare sottoscrivo l’analisi di Fenderman.
    Fermo restando che si tratta di una buona lettura, questo episodio è a un livello meno alto degli altri dal punto di vista della trama. La cosa più interessante per lo sviluppo è all’inizio e alla fine.
    Resta invece alto il livello di scrittura, piaciuto molto e si vede che stai maturando lo stile.

    Grazie e alla prossima.

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi