La principessa Aylin di Nemolandia

Dove eravamo rimasti?

Cosa farà la Principessa Aylin? Proverà a parlare con Gizem (83%)

Le intenzioni della strega Gizem

«Gizem fermati! Cosa stai facendo?» chiese la Principessa Aylin terrorizzata alla vista della strega con accanto il drago Eldur.

«Oh pensavo fosse chiaro, cara Principessa! Ahahah!» rispose Gizem con una risata sprezzante.

«Vedo che non sei cambiata affatto. Ci avevo sperato tanto.» disse la Principessa, ora più sopraffatta dalla tristezza che dalla paura.

«E cosa avrebbe dovuto cambiarmi? Dimmi! I dieci anni in isolamento negli abissi del mare? Beh, diciamo che ho deciso di usare il mio tempo in modo diverso. Ahahah!». Un’altra risata cattiva della strega fece trasalire la Principessa Aylin, che replicò:

«Non era una punizione, solo un modo per permetterti di realizzare il male che avevi fatto al Regno, e allo stesso tempo proteggerlo, fino a che non fossi tornata la vecchia te, un’amica dolce e premurosa».

«La vecchia me era solo una povera illusa che si è fidata delle persone sbagliate. Ma ho aperto gli occhi e voglio vivere la vita che merito» disse Gizem.

«Quale è la vita che meriti?» chiese la Principessa.

Intanto, la raggiunsero sulla spiaggia l’amico Kerem e il fidato mago Erol, entrambi atterriti e impreparati a ciò che si presentò loro davanti.

«Principessa state bene?» «Aylin stai bene?» chiesero in contemporanea i due. 

«Ma quella è Gizem!» aggiunse subito il mago Erol, realizzando cosa stesse succedendo.

«Oh ma guarda chi si è unito a noi! Il gran mago del Regno e l’amichetto del cuore della Principessa. Che bello rivedervi! Ahahah!» Disse molto divertita la strega Gizem.

I tre erano sconcertati dalla tranquillità di quest’ultima, che ancora stava nella posizione in cui era apparsa, sopra un vortice al centro del Mare di Gal, e sempre con il suo alleato Eldur al fianco.

«Come hai fatto a liberarti?» chiese Erol.

«Diciamo che è una lunga storia. Non sei felice di vedermi mio caro mago?» rispose Gizem.

«Tu sai che tornerai da dove sei venuta!» disse il mago Erol.

«Ahahah! Oh io non credo proprio che andrà così. Mi sono preparata bene a questo nostro incontro. Ho avuto dieci lunghi anni di esilio per farlo, e vi assicuro che non ho tralasciato nessun dettaglio.» disse la strega soddisfatta.

«Sembri molto sicura di te» intervenne Kerem «ma perché non ti fermi finché sei in tempo, prima di pentirti del male che potresti fare?».

L’unica reazione di Gizem fu un’altra grossa risata. Non prendeva nemmeno in considerazione l’idea di tornare sui suoi passi.

La Principessa Aylin, che era stata in silenzio fino a quel momento, ripetè la sua domanda «Quale è la vita che meriti, Gizem? Fermati e insieme troveremo una soluzione. Non è troppo tardi.»

«Oh giusto! Per rispondere alla tua domanda, beh direi la vita che stai vivendo tu, serenamente servita da tutti al castello del Regno, tra mille comodità e senza il minimo problema. Per questo sono qui, e ho un’offerta per voi: potete arrendervi pacificamente e cedermi il Regno, allontanandovi senza creare problemi, oppure combattere rischiando la vostra vita e quella dei vostri sudditi. Avete un giorno per decidere, e nel frattempo, io andrò a trovare il Principe Hakan nel Regno di Lucciolandia, sull’altra riva del mare di Gal. A proposito, non credo di avervi presentato il mio amico. Lui è Eldur, un grazioso esemplare di drago sputa fuoco di grande esperienza. Mentre riflettete terrà compagnia a voi e a tutto il Regno. A domani! Ahahah». E così, con la sua solita risata sprezzante, la strega Gizem sparì in una nuvola di fumo viola, lasciando la Principessa Aylin, Kerem e il mago Erol senza parole sulla spiaggia.

La prima a riscuotersi fu proprio la Principessa: «Dobbiamo tornare subito al castello e tenere un consiglio del Regno con la massima urgenza». Mentre correvano, si imbatterono in alcuni abitanti terrorizzati alla vista del drago che svolazzava sul Regno. Li rincuorarono e dissero che avrebbero fatto tutto il possibile per ristabilire la pace nelle vite di tutti.

Un pensiero non abbandonava la Principessa lungo la via di ritorno al castello: cosa voleva Gizem dal Principe Hakan e perché ce l’aveva con lui?

Conosciamo meglio il Principe Hakan: chi è?

  • Un antico nemico di Gizem (0%)
    0
  • Un lontano parente di Gizem (33%)
    33
  • Un amico che secondo Gizem l’ha tradito come la Principessa Aylin (67%)
    67
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

110 Commenti

  • Davvero una bella fiaba, sei riuscita a dare il giusto spazio a tutti i personaggi, a rendere interessante la storia e raccontarla sempre in modo scorrevole. Personalmente gli episodi sono volati. Avendo apprezzato molto il tuo modo di scrivere sarei molto curioso di vederti alle prese anche con altri generi. Complimenti ancora!

  • Ciao Nuray. Complimenti davvero.
    Hai concluso una fantastica storia in linea con il genere e con un’attenzione a tutti i personaggi della vicenda. Ogni personaggio può essere visto come il protagonista della storia che, partendo da Aylin, si è ramificata ed ampliata fino a Gizem e Kerem.

    Davvero brava. Spero di rileggerti presto 🙋‍♂️

  • Ciao Nuray 🙂
    Comincio con farti i miei più sentiti complimenti per aver portato a termine la tua bellissima fiaba 🙂
    Ovviamente conclusa come le belle favole della Disney com un bel felici e contenti 🙂
    Sei stata davvero brava a gestire lo spazio tra i vari personaggi 🙂
    La principessa Aylin nonostante dia il nome alla fiaba non è stata sempre il centro della storia, ma tutti i personaggi anno avuto il giusto spessore, per esempio negli ultimi due capitoli l’ attenzione si è spostata più a Gizem e kerem, per poi tornare a bomba su Aylin in quest’ ultimo capitolo 🙂
    Adesso ti aspettiamo con una nuova storia 🙂
    A presto 🙂

  • Ciao, voto per l’organizzazione del matrimonio tra Kerem e Gizem (dopotutto direi che sia anche arrivato il momento, no? 😅)
    A causa di svariati impegni sono riuscita solo adesso a fare un salto per recuperare i capitoli che purtroppo avevo perso, ed ammetto che non abbia fatto nessuna fatica nel portare a termine ciò: questa favola mi ha conquistata dal primo istante e non mi ha mai delusa.
    Vediamo cosa ci aspetterà nel capitolo finale.
    A presto!

  • Ciao Nuray 🙂
    Morale della favola direi è che l’ amore vince sempre 🙂
    Brava davvero bella favola, io direi di terminare con una bella immagine che spesso è rappresentata come sottofondo per le storie d amore e cioè la passeggiata al chiaro di Luna 🙂
    Vediamo cosa ci porti 🙂
    A presto 🙂

  • Ciao Nurray.
    Ottimo uso del genere che hai scelto. Il personaggio negativo diventa positivo rapidamente ma con una buona motivazione alle spalle. Avrei voluto capire il perché sono state dette tante bugie a Gizem.

    Ora abbiamo due coppie. Una formata e una che ancora chissà.

    Voto per una divergenza di opinioni e vediamo come concluderai questa bella fiaba 🙋‍♂️

  • Ciao Nuray 😉
    Io sono dell’opinione che il piano di kerem e Aylin sia rischioso ma che è perfetto per riconciliare la vecchia amicizia tra loro e Gizem, e penso che ci possano pure riuscire ma l impulsività dei genitori di Aylin e del mago Erol rovineranno tutto 🙂
    Bel capitolo, facile da leggere come sempre 🙂
    A presto 🙂

  • Ciao Nuray.
    Ammetto che ho odiato la principessa che, senza un briciolo di sicurezza, si getta su Gizem per trascinarla con se, ma siamo in una fiaba e quindi capisco il suo senso di amicizia che la lega e lei.

    Karem già voleva parlare con Gizem, quindi senza dubbio correrà a raggiungerle, anche se qualcosa succederà. Non credo che il consiglio rimanga con le mani in mano mentre la principessa rischia potenzialmente la vita parlando con una strega che sogna solo la distruzione di quel regno 😂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi