Prede e Predatori

Dove eravamo rimasti?

Ma che diavolo sta succedendo qui!? Ma soprattutto, che c’è fuori dalla casa? Un gorilla? (50%)

Dalla padella alla brace

Pochi minuti prima del rapimento.

“Signorina Jane, che sta facendo?” chiese un giardiniere quando vide Jane Whiteson intenta a scavare.

“Oh… niente, volevo sotterrare una cosa, tipo una macchina del tempo per il futuro”.

“Una macchina del tempo?”.

“Ops, capsula, volevo dire capsula” si corresse la ragazza ridendo forzatamente.

“Come desidera, non mi sarei mai immaginato di vedere una Whiteson sporcarsi le mani scavando la terra” disse l’uomo allontanandosi.

Appena fu lontano Jane cambiò espressione, per tutto il tempo aveva nascosto il braccio destro dietro la schiena, per via che l’aveva trasformato in una mazza chiodata. L’arma tornò velocemente alla forma di un braccio.

Una volta aver creato una buca abbastanza profonda avvicinò l’enorme scatola che voleva metterci dentro. Ma non prima di aprirla e guardare con un sorriso diabolico chi ci stava all’interno legata e imbavagliata, la vera Jane Whiteson!

“Guarda il lato positivo, adesso sarò io che dovrò sorbirmi i tuoi petulanti e noiosi genitori, in cambio tu dovrai solo morire” così dicendo la ragazza cominciò ad agitarsi. La falsa Jane chiuse la scatola e dopo averla gettata cominciò a chiudere la buca.

Una volta finito decise di andare a fare dello shopping, peccato che appena fece pochi passi fuori di casa venne rapita da Isaac, Vicky e Cyrus. Con il sacchetto in testa X non sapeva come comportarsi, perciò decise di fare la parte della vittima, cosa che le veniva naturale dopo tutte le uccisioni che aveva assistito. Dopo essere stata spogliata, legata al letto, fotografata e poi vestita di nuovo restò sola nella stanza buia a pensare.

“C’era d’aspettarselo, la tipa che ho preso il posto era ricca, e questi sfigati vorranno usare per un riscatto” pensando alla situazione nella quale si trovava a X le venne in mente il laboratorio dov’era nata. Un luogo freddo, sterile e controllato 24 ore. Lì doveva obbedire sempre agli ordini degli scienziati, e appena faceva qualcosa di diverso veniva punita con delle scosse. Per questo appena ne ebbe la possibilità fuggì.

Dopodichè arrivò Vicky, la donna molestò dolcemente la falsa Jane e una volta finito uscì dalla stanza.

“Brutta troia! Quello che mi ha fatto è stato… è stato… divertente” a quelle parole quasi scompose il suo corpo “Va bene, aspetto ancora a scappare, è stato troppo piacevole”.

E ora torniamo nel presente.

“Ragazzi, e signore, posso dire che siamo nella merda fino al collo”.

“Chi c’è, Isaac!? La polizia?” chiese Vicky.

“No… un gorilla”.

“Un gorilla!?” urlarono i due complici e il dottore.

Il terzo guardò fuori dalla finestra e quasi le cadde la mascella nel vedere un grosso gorilla nero fuori nel cortile.

“Impossibile! Dev’essere sicuramente X!”.

“Ne è sicuro Dottore?” chiese Cyrus.

“Sicurissimo! Avrà avvertito la mia presenza e ora penserà di ucciderci tutti trasformandosi in quel primate”.

“Ma non può essere fuggita, è ammanettata al letto dentro una stanza chiusa a chiave” disse Isaac.

“Ancora non avete capito!? Lei è in grado di fare tutto! Le manette le può assimilare nel suo corpo e le porte può aprirle trasformando le sue dita in chiavi!”.

“Ok, ok, abbiamo capito, è simile al T-1000 di Terminator, con cosa la possiamo ferire, con il fuoco?” domandò Vicky.

“Un altro inutile esempio e soluzione da film, giovani d’oggi, BAH! L’unico punto debole del Soggetto X è l’elettricità! Prego, ridammi il teaser”, Isaac sentendo l’ordine ridiede l’oggetto all’uomo “Questo dovrebbe bastare almeno per ferirla, peccato che ho lasciato l’arma più grossa nel mio furgone”.

“Cosa vuole fare Doc?” chiese Cyrus.

“Ho il compito di catturare X, ed è quello che farò, se non dovessi farcela scappate il più lontano possibile”.

Così dicendo il Dr. Titsworth uscì di casa, Isaac rimase a guardare dalla finestra della cucina, mentre gli altri due erano ancora ammanettati e seduti sul pavimento.

Una volta fuori il gorilla prima annusò l’aria, per poi rilasciare un potente ruggito.

“È inutile X, non mi fai paura, siamo arrivati alla resa dei conti. Hai due scelte o mi segui con le buone, o con le cattive” così dicendo mostrò il teaser, l’animale però non diede segno di alcuna resa.

“Che succede di bello?”.

“Quel tizio è uscito per combattere quello che lui dice chiamarsi Progetto X, per ora…” e voltandosi Isaac vide davanti a sé Jane.

Era completamente nuda, ma la cosa che lo spaventò tantissimo era il suo sorriso diabolico. Nella mano destra teneva ancora le manette e improvvisamente vennero inglobate nella sua mano che divennero una gelatina multicolore.

“Oh mio… il gorilla è vero!”.

“Cazzo, Cyrus! Il problema è un altro!” urlò Vicky.

“Peccato, è arrivato il dottorino” disse Jane camminando nella stanza. I tre erano atterriti. “Mi stavo divertendo così tanto, avrei tanto voluto fare altro… come lo chiamate? Ah sì, sesso”.

X rimase ferma a pensare, dopodiché trasformò il suo braccio in una roulette che posò sul tavolo “Ci sono, ora lancerò una pallina, e a seconda di chi esce, farò sesso con lui… o con lei. Che inizia il sorteggio”.

Bene, anzi. Male, malissimo. Ora i rapitori sono diventati gli ostaggi! Adesso però andiamo oltre, chi verrà estratto dalla roulette

  • Cyrus? (0%)
    0
  • Isaac? (50%)
    50
  • Vicky? (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

28 Commenti

  • Mi dispiaciuto che sia rimasta viva X perché mieterà molte altre vittime.,,

    Allora, commenti finali: la storia è stata un flop! Flop sulla piattaforma perché i lettori sono via via scomparsi; flop per me che seguo che seguo perché, nonostante alcune idee fiche che hanno ribaltato e rivitalizzato diverse volte la storia, alla fine si è trasformata in una carneficina senza né arte né parte. Flop per te perché l’ho letto sotto. Altro appunto: secondo me avresti dovuto inserire qualche accenno a cosa ci si sarebbe potuto aspettare perché l’ultimo voto io l’ho dato perfettamente a caso. È vero che anche Vicky avrà scelto a caso però… sai, nei giochi scegliere a caso non è sempre sinonimo di quacosa che sta venendo bene (poi anch’io faccio errori simili: pensando di dare cognizione di causa ed invece i lettori non hanno capito niente e scelgono a caso 🙂 ).

    Nonostante questo, ti dico di non demordere, specie quando vai su generi che non hai mai fatto e che non conosci: è più probabile che sia un flop che non un successo. Poi magari riesci anche a stupirci come con Cuori Primitivi, ma la normalità è il flop.
    Anche nei generi in cui ci si trova a proprio agio, non sempre le storie vengono bene: io ho all’attivo tantissime storie ma poche di questi hanno avuto davvero successo ed in una sono riuscito pure a fare il fuggi fuggi generale 😀

    Quindi prenditi la giusta pausa, elabora come vorresti fare il tuo giallo fantascientifico (sempre letto sotto) e rimettiti alla prova: io ci sono ad aspettarti perché mi hai sempre incuriosito 🙂

    Ciao 🙂

  • Salve a tutti. Voglio subito dire, per quanto brutto possa sembrare, ma mi posso considerare deluso da me stesso! Da quando sono membro di questo sito penso che questo rientri tra i racconti peggiori che abbia scritto! L’idea mi sembrava bella. Scrivo una storia che inizialmente è un thriller, e a metà, si trasforma in qualcosa di surreale. Volevo fare come nel film “Dal tramonto all’alba” di Rodriguez e Tarantino. Ho volato troppo alto e il racconto è venuta fuori una schifezza!
    Mi scuso anche per il capitolo finale così corto, ma veramente non ne potevo più!
    Ma adesso basta lamentarsi e andiamo sulle curiosità.
    Tanti inizialmente mi avevano chiesto perché i rapitori aveva strappato i vestiti di Jane lasciandola nuda. Io avrei voluto rispondere, ma se lo facevo addio curiosità. Ebbene la risposta è semplice. Perché succede in un film.
    Ebbene sì. La prima scena, e anche la base di questo racconto, è un omaggio a “La scomparsa di Alice Creed” un film con Gemma Artenton che rientra tra i miei preferiti nel suo genere di appartenenza.
    Già neppure i nomi sono messi a caso. La vittima Jane Whiteson si chiama così in onore di J. Blakeson, il regista della pellicola. Invece Vicky, Isaac e Cyrus le loro iniziale formano il nome VIC, il personaggio nonché mente del rapimento interpretato da Eddie Marsan.
    A parte i nomi non ho molte curiosità. Scelte come: il cognome del dottore, la comparsa del gorilla e il fatto che i tre hanno rapito per sbaglio “La Cosa” sono state fatte solo con un criterio… mi facevano ridere. Già, tante mie scelte di scrittura derivano dal fattore risata.
    Per il finale invece c’era la possibilità di un “Happy Ending” ovvero con il retino per farfalle. Mentre il fucile avrebbe spaventato X, ma sarebbe tornato il gorilla che avrebbe ucciso Vicky.
    Il Boss della donna mi sarebbe piaciuto esplorarlo un po’ di più in questo racconto. Ma stavo già uscendo fin troppo dal filo logico, e non serviva un altro personaggio a rovinare il tutto. Forse in futuro lo riutilizzerò, chi lo sa.
    Comunque dopo questo racconto, oltre al fatto che non scriverò mai più niente di Erotico, penso che prenderò una lunghissima pausa, ho già un’idea per il prossimo racconto, ma mi serve tempo per pensare. Pensare se serve ancora pubblicare racconti su questa piattaforma, dove alla fine a rispondere ai commenti c’è solo una persona (che ancora ringrazio). Ma specialmente mi serve tempo per pensare a come scriverlo essendo che sarà un giallo. Altro genere nel quale mi sento negato!
    Scusate il pessimismo. Ma a volte serve. Eccovi il trailer del prossimo racconto.

  • “E mi stai dicendo che questo racconto è stato scritto da un tuo simile, Ofe-ia?”.
    “Esatto, Yuki, da un’intelligenza artificiale risalente al neolitico digitale”.
    “E si vede, questa storia non ha senso! Inizia come un thriller e magicamente diventa un guazzabuglio d’idee mal assortite tra loro!” disse la ragazza chiudendo la pagina di internet.
    “Per favore, Ofe-ia, apri le finestre”.
    “Certamente” disse l’intelligenza artificiale a forma di macchia con un solo occhio dentro lo schermo olografico del computer.
    Con un bip le persiane si aprirono facendo irradiare la stanza di una potente luce.
    “Devo smettere di leggere questa roba” disse Yuki massaggiandosi le palpebre.
    “Vuoi che ti cerco altri racconti per rilassarti?”.
    “No, Ofe-ia, è inutile, le uniche cose che veramente mi rilassano sono mangiare i dorayaki e risolvere casi”.
    “Allora ti cerco un altro giallo? Mi assicuro che sia uno scrittore umano e non un mio simile”.
    “Sai che c’è, oggi è una bella giornata, usciamo a prendere una boccata d’aria”.
    “Finalmente!”.
    Così dicendo Yuki collegò con un cavo USB un bracciale al computer.
    Dentro allo schermo, cicino a Ofe-ia comparve una porta e l’assistente digitale dopo averla attraversata finì dentro l’ornamento della ragazza.
    “Dove mi consiglio di andare oggi?” chiese Yuki dopo essersi messa dei pattini.
    “Che ne dici di andare al parco pubblico cubico? Oggi al vertice c’è il Giardino tropicale”.
    “A me piace solo il Giardino autunnale, per stavolta starò a testa in giù” rispose ridendo.
    Dopo aver attraversato il corridoio Yuki aprì la porta di casa sua, che si trovava in cielo insieme ad altre abitazioni.
    Premendo un pulsante accese i pattini con i quali cominciò a fluttuare nell’aria.
    “Prossima destinazione, un radioso futuro!”.
    “Smettila di urlare quella frase, Ofe-ia! È imbarazzante!”
    Una volta uscite, il cellulare della ragazza rimasto nella stanza cominciò a vibrare, e sullo schermo comparve il logo della polizia.

  • A caso e sul momento? Prendiamo il cilindro: o la va o la spacca.

    Quindi Isacc è morto, Cyrus è scappato con un gorilla incacchiato dietro e Vicky sta per affrontare “all’arma bianca” X… Direi che c’è tutto perché finisca con tutti morti… ma vediamo se riesci a sorprendermi 🙂

    Commenti finali dopo l’ultimo capitolo.

    Ciao 🙂

  • Voto un orso!
    Il doppio colpo di scena è spettacolare: mi chiedo se avevi in mente qualcosa di simile fin dall’inizio o ti è venuto in mente con i voti.
    Mi chiedo ora cos’altro succederà 🙂

    Per quanto riguarda il capitolo, un consiglio per migliorare: durante il salto scena tra quando Cyrus e Vicky svengono e si riprendono, è meglio mettere un segno di pausa per far capire che c’è stato il salto scena. Io uso i tre asterischi, tu puoi usare quello che ti pare 🙂
    Ho notato poi che ogni tanto hai usato “le” al posto di “gli” e viceversa.

    Al prossimo capitolo ^_^

    Ciao 🙂

  • Indeciso tra lotta e fuga, alla fine ho scelto fuga!

    Secondo me, quella serpe di Vicky non l’ha trattenuto manco per niente od al massimo giusto il tempo di permettere ad Isacc di vederlo in opera!

    E mo succederà un casino, se Isacc mantiene fede a quanto detto. Magari non gli spara davanti alla ragazza (potrebbe colpirla), ma le cose potrebbero precipitare molto velocemente.

    Ciao 🙂

  • Ciao!
    Scusa se passo solo adesso.
    Ho trovato questo capitolo più “frettoloso” degli altri che, almeno a mio parere, sembravano avere un’andatura un po’ più lenta rispetto a questo, ma nel complesso, come gli altri del resto, non è per nulla male ( eh sì, anche a me la scenetta comica ha parecchio divertito 😂).
    Il prossimo capitolo sarà il quinto, quindi perché non mettere un po’ di “zizzania” tra i tre rapitori?
    Ho votato, quindi, affinché Vicky venga scoperta.
    Ciao e a presto!
    -Ross-

  • Cyrus ed Isacc beccano Vicky.

    Due cose: uno, hai introdotto un bel mistero! Non c’è che dire. Spero che la questione non si fermi qui, con la semplice uccisione dell’uomo perché è molto particolare quello che è successo. Due, la parte comica ha finalmente fatto capotino anche qui, facendomi prima sorridere e poi sbellicare.

    Mi chiedo sinceramente quali siano i piani per questa storia, ma lo scopriremo leggendo 🙂

    Certo che Isacc che cambia idea è veramente strano… mmmm…. c’entrerà quella pistola giocattolo?

    Ciao 🙂
    PS: c’è un certo punto in cui non si capisce chi sta parlando: credo che sia saltato un a-capo.

  • Capitolo 3: un estraneo.

    E hai capito la nostra Vicky: le piacciono le donne e credo che se ne approfitterà altre volte, visto che ad un uomo faranno attenzione mentre ad una donna… sempre che Isacc o Cyrus non inizino a sospettare qualcosa.

    Ho capito perché l’hai classificata Eros!

    Ciao 🙂

  • Interessante, sono curioso di vedere come va a finire.

    MI chiedo inoltre a cosa serva la sbarra all’interno del furgone: magari avrà un ruolo nel seguito e in quel caso si scoprirà leggendo gli episodi successivi, ma se invece è qualcosa di legato alla dinamica del rapimento che “dovrei capire”, come il cambio di targa o l’insonorizzazione della stanza e del mezzo… allora illuminatemi (non mi intendo né di furti d’auto né di rapimenti…).

  • Se dei genitori credano che alla propria figlia serva inscenare un rapimento per attirare la loro attenzione, non oso immaginare a cosa siamo abituati da parte sua😅.
    A questo punto tutte e tre le opzioni andrebbero bene, ma ho votato per un video in cui viene chiesto un riscatto immaginando che fosse l’unica opzione che possa fare effettivamente “ricredere” i genitori.
    Sono interessata al personaggio di Cyrus, spero che la sua “psicologia” possa trovare spazio anche nei capitoli successivi.
    Continuo a seguirti con interesse.
    A presto!
    -Ross-

  • Indeciso tra video e foto; visto che nel primo capitolo sono state fatte delle foto, usiamo le foto 🙂

    Mi sembrava strano quanto stava accadendo: infatti era l’immaginazione del ragazzo 🙂

    Continuo a chiedermi perché l’hanno fotografata nuda, ma forse lo scopriamo nel prossimo capitolo.

    Ciao 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi