Il Potere del Tempo: La Guerra dei Regni Magici

Il Destino di Ethan

Quel giorno, mentre Ethan si addestrava da solo nel cuore della foresta, tutto sembrava improvvisamente cambiare. Un’ondata di potere incontrollabile lo travolse, lasciandolo sconcertato e sbalordito. Il tempo, solitamente fluido e inesorabile, sembrava improvvisamente piegarsi alle sue volontà.

L’aria intorno a lui si condensò in un silenzio surreale, come se il mondo stesso tratteneva il respiro in attesa di ciò che sarebbe successo. Gli alberi, solitamente vibranti di vita e movimento, si immobilizzarono nel loro crescere, le foglie rimasero sospese nell’aria come se fossero state dipinte su un quadro immobile. Persino le fiamme delle sue magie danzanti, solitamente inafferrabili e mutevoli, si bloccarono in uno stato di apparente stasi, con il calore sospeso nel nulla.

Per un istante, Ethan si sentì come se avesse toccato un filo segreto del tessuto stesso della realtà. Il potere che emanava da lui, oscuro e misterioso, sembrava sfidare le leggi stesse del cosmo. Era come se fosse entrato in contatto con un’essenza primordiale, una forza ancestrale che scorreva attraverso tutto ciò che esisteva.

In quel momento di meraviglia e incertezza, Ethan si rese conto che il suo destino era molto più grande di quanto avesse mai immaginato. Aveva risvegliato un potere antico e potentissimo, un dono che lo avrebbe posto al centro di eventi che avrebbero cambiato il corso della storia nei regni magici.

Ma con questo potere straordinario, veniva anche una responsabilità enorme. Ethan sapeva che doveva imparare a controllare questa forza primordiale, altrimenti rischiava di perdere sé stesso e di mettere in pericolo tutto ciò che amava.

All’inizio, Ethan sperava che la sua abilità potesse rimanere sotto il radar, consentendogli di continuare la sua vita come sempre. Tuttavia, presto si rese conto che il destino aveva altri piani per lui. Le sue azioni, anche se fatte con cautela e discrezione, non passarono inosservate agli occhi affilati dei suoi alleati e dei suoi avversari.

Nel cuore del tumulto della guerra, era destinato a prendere una svolta straordinaria che avrebbe cambiato il corso della storia nei regni magici. Come apprendista nel regno del fuoco, Ethan era immerso nell’addestramento magico e nel costante richiamo alle armi. Le fiamme dell’odio bruciavano ininterrottamente, alimentate dall’antica rivalità tra i regni, e ogni giorno la situazione sembrava sempre più disperata.

Ma dentro di sé, Ethan portava un dono potente. Durante un violento scontro nella guerra, quando sembrava che la sconfitta fosse inevitabile per il suo regno, Ethan si ritrovò improvvisamente circondato da un’aura di luce sfavillante. Il tempo intorno a lui rallentò fino a fermarsi completamente, consentendogli di valutare la situazione e trovare una via d’uscita apparentemente impossibile. Con un’esplosione di energia, ripristinò il flusso temporale e guidò la sua fazione alla vittoria.

Questo evento catalizzatore rivelò il suo potenziale straordinario, ma anche attirò l’attenzione dei potenti maghi governanti degli altri regni. In un mondo sconvolto dalla guerra, il controllo del tempo poteva essere la chiave per piegare il destino a proprio vantaggio. Ethan si ritrovò ora nel mirino di tutti, desiderosi di sfruttare il suo potere per i propri fini nella guerra.

Ma mentre Ethan si sforzava di comprendere e controllare questo dono incredibile, iniziò anche a scrutare oltre la superficie del conflitto. Scoprì che le cause della guerra non erano così semplici come sembravano. Dietro le ostilità, c’era un oscuro intreccio di intrighi, manipolazioni e antichi esseri che tracciavano le linee del destino. Realizzò che la guerra era solo un sintomo di una malattia più profonda che minacciava di distruggere l’intero mondo dei regni magici.

Gli alleati cercavano di avvicinarsi a lui, desiderosi di comprendere e sfruttare appieno il suo potere per il bene dei loro regni. Tuttavia, c’erano anche coloro che vedevano il suo potere come una minaccia, un’arma da sfruttare per i propri fini egoistici.

I nemici, spinti dalla paura e dall’avidità, iniziarono a tramare contro di lui, desiderosi di catturarlo e sfruttare il suo potere per rovesciare il potere nei regni a loro favore. Presto, Ethan si ritrovò nel mezzo di una lotta per il controllo del suo destino, mentre il suo segreto si trasformava in una spada a doppio taglio che poteva proteggerlo o condannarlo.

In mezzo a tutto questo, la paura e la confusione di Ethan crescevano. Temeva per la sua sicurezza e per la sicurezza di coloro che amava. Ma sapeva anche che doveva affrontare la verità e accettare il suo destino, per il bene non solo di sé stesso, ma di tutto il mondo dei regni magici.

Con il cuore colmo di incertezza, ma anche di determinazione, Ethan si preparò ad affrontare le sfide che lo attendevano, consapevole che il suo viaggio sarebbe stato difficile ma indispensabile per il futuro dei regni e per il suo stesso destino, al suo fianco aveva Drake, Maestro degli incantesimi del Regno delle Fiamme

Inizia il viaggio, cosa vuoi conoscere?

  • Conosciamo meglio Drake. (67%)
    67
  • Voglio sapere di più su Ethan (33%)
    33
  • Spiega la storia di come i regni si siano formati e come siano giunti alla guerra.. (0%)
    0
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

45 Commenti

  • Io voto “Alla Ricerca dell’Amuleto” per mettere un breve stacco prima di Snaeland 🙂

    Descrizione dei personaggi come la faccio sempre io e come dicono sempre a me, è meglio ridurla al minimo e far notare dettagli durante i discorsi ed i movimenti: ad esempio non dire che ha i capelli legati in una treccia ma che mentre parla con uno degli altri, muove la treccia. Poi io faccio nello stesso modo che fai tu, quindi prendi il consgilio come ti pare 🙂

    Ciao 🙂

  • Ciao Dyson. I suggerimenti te li hanno già dati Flavia e Red.

    La storia è interessante, le idee ci sono. Un consiglio che posso darti è quello di non aver “paura” dei capitoli. Tu racconta quello che vuoi raccontare. Il limite dei caratteri c’è, ma per quanto riguarda i capitoli puoi sempre chiudere un pezzo di storia ed iniziarne una nuova che funge da sequel.

    Secondo me è un peccato “imprigionare” le idee che hai solo per voler terminare tutta la storia in 10 capitoli. Quindi dal mio punto di vista il consiglio è scrivi. Hai 3 capitoli di idee per una singola battaglia? Usa tre capitoli.

    Vedrai che scrivendo più “alla leggera”, senza limitarti troppo, le idee che hai e che, ripeto, sono molto valide, verranno fuori e colpiranno il lettore.

    Continua così che stai migliorando!!

  • Ciao Dyson,
    un suggerimento per i dialoghi: se la frase continua dopo che un personaggio ha parlato, dopo le virgolette di chiusura metti una virgola (o i due punti se devi spiegare qualcosa) e assicurati che la prima lettera della parola successiva sia minuscola. Altrimenti, quello che c’è dopo rischia di essere scambiato per una nuova frase, per di più incompleta.
    Sarebbe stato interessante leggere qualcosa di più sulla battaglia, soprattutto perché l’hai definita “epica”, ma, purtroppo, i caratteri a disposizione per ogni capitolo sono pochi. Nel tuo PC potresti scrivere una versione estesa del racconto e arricchire la battaglia di particolari: è un peccato che una battaglia epica venga descritta in sole sei righe.
    Stavolta non so cosa votare, allora seguo Red e scelgo anche io Terredaria e Seraphina.
    A presto!

  • Terredaria e Seraphina perché mi piacciono i nomi 🙂

    Ciao! È passato un po’ di tempo e mi sono scordato alcuni dettagli. Questa volta devi aver “litigato” coi caratteri perché alcune parti sono appena accennate di altre. Un piccolo trucco: non dire quello che dirà il personaggio quando subito dopo lo dice. Ad esempio:
    >Non appena la fanciulla si presenta Ethan spiega com’è la loro situazione
    Subito dopo il personaggio dice la situazione.
    Basta dire “Non appena la fanciulla si presenta Ethan spiega: ” segue quello che dice 🙂

    Dai che migliori ad ogni passo 🙂

    Ciao 🙂

    • In parte hai ragione, ma più con i caratteri con ADSL, abito in mezzo ai campi e se voglio allacciarmi alla fibra ho più di 100 metri di cavo da pagarmi per arrivare alla strada dove arriva appunto la fibra, in pratica non ho voglia di pagare visto che sto vendendo casa per trasferirmi in altro luogo sperando sia vicino alla zona dove arriva la fibra cosi, non devo pagare oltre.
      Comunque rileggendo mi sono accorta degli errori fatti, e vi ringrazio dei suggerimenti che mi date, mi aiutano a migliorare, grazie davvero di cuore.

  • Ciao Dyson, ho recuperato tutti e quattro i capitoli visto che la trama mi ha colpito.
    Leggendo la storia si ha un certo deja-vu, ma è secondo me naturale visto il genere.

    Il primo capitolo è come un riassunto di un’opera precedente e quindi sono andato sul tuo profilo per capire se avessi scritto qualcosa prima. Magari in futuro farai un prequel.

    Il secondo capitolo è quello che secondo me ti è riuscito meglio. Abbiamo una situazione “vera” ed un rapporto tra i personaggi, che ci fanno anche indirettamente capire qualcosa circa la storia che stai raccontando.

    Il terzo capitolo è interessante. Aggiungi un nuovo personaggio, quello che dovrebbe essere il più importante per la storia.

    Nell’ultimo capitolo mi piace come hai descritto ed introdotto l’Ombra Antica.

    Vedo che ripeti spesso i nomi dei personaggi in frasi molto vicine tra loro. Cerca di usare dei pronomi, dei modi per far capire al lettore chi è che fa qualcosa senza però scriverlo direttamente. Un esempio è nella descrizione di Eldoria. Se ci fai caso, ogni paragrafo inizia con “Le.. di Eldoria sono…”

    Un consiglio che posso darti è quello di rallentare un po’ il ritmo della storia. Dai modo al lettore di entrare nel tuo racconto e di conoscere i personaggi. L’incontro tra Liam e gli altri personaggi, come Ethan e Drake si sono incontrati, ecc.

    La storia è molto bella e l’idea anche e si vede. Cerca quindi di rallentare, racconta la scena in modo da permettere al lettore quasi di vederla nella mente.

    Come scrivo ogni volta che faccio queste “critiche”, queste sono opinioni assolutamente personali, sono il primo a fare mille errori quando scrivo. La storia alla fine rimane tua e, prima che ai lettori, deve piacere a te.

    Voto per la sconfitta dell’Ombra e a presto!!

    • Grazie, le critiche costruttive le accetto sempre, non amo chi fa il saputello/a se poi come si suol dire scrive peggio di me. Ma come detto in precedenza accetto ogni critica, anche se può far male al mio ego, ma almeno so che mi può aiutare a crescere come scrittrice, a migliorarmi e quanto di meglio c’è da imparare, non siamo tutti dei J.R.R. Tolkien, o dei George R.R. Martin, anche se lo vorremo essere, almeno io.

  • Ciao Dyson,
    ho trovato la descrizione di Eldoria un po’ troppo lunga. Io, quando accorcio i miei capitoli per rientrare nei 5000 caratteri, le elimino tutte perché preferisco privilegiare le azioni e i dialoghi. Però va bene lo stesso, sei stata brava e la descrizione, anche se lunga, è molto scorrevole e non è noiosa.
    Il capitolo è molto valido e mi è piaciuto più del precedente (anche se, come ti ho già scritto, avrei preferito leggere una storia scritta tutta al passato remoto): mi è piaciuta molto la parte in cui hai descritto l’Ombra Oscura.
    Voto per nuove alleanze: mi sembra troppo presto sia per sconfiggere l’Ombra che per nuovi nemici.
    A presto!

    • Un’altro mio difetto, devo combattere con la distinzione di passato remoto, presente ecc, purtroppo io e la grammatica non siamo mai andate molto d’accordo, anche se sto cercando di rifarmi, infatti, sto usando word per scrivere i miei capitoli, mi appoggio a tutti i siti dove mi venga controllata la grammatica e anche la punteggiatura, mentre cerco di debellare questi miei problemi, ma a volte mi succede di fare gli errori sopra citati Perdonate queste mie lacune se vi riesce.

  • Ciao Dyson,
    ti capisco molto bene, quando attraverso momenti difficili (e capita spesso!) proprio non riesco a scrivere: per distrarmi un po’ continuo a pensarci e immagino gli sviluppi futuri, ma non scrivo nemmeno una parola. Ci sono passata varie volte, perciò mi fa molto piacere che tu sia di nuovo qui!
    Dopo i primi due capitoli scritti al passato, perché in questo terzo episodio hai usato il presente? Secondo me crea un effetto per cui il capitolo sembra un po’ un “riassunto”.
    Voto per conoscere quale entità ha risvegliato Liam.
    A presto!

  • Ciao Dyson,
    Il secondo capitolo mi è piaciuto di più, perché preferisco l’interazione tra i personaggi alle parti meramente descrittive.
    Voto anche io per conoscere meglio la profezia, perché è l’opzione che mi convince di più: a quanto ho capito (ma correggimi se sbaglio), Drake è meno giovane di Ethan, perciò ritengo meno plausibile il fatto che possa essere lui il predestinato (mentre, solitamente, il predestinato è il più giovane tra i protagonisti). L’opzione “cosa devono fare per realizzare la profezia”, invece, secondo me può essere una sfumatura dell’opzione “conoscere la profezia”, che dunque mi pare più completa.
    A presto!

    • Non sbagli Drake è più avanti con l’età di Ethan, ma non si sa mai, potrebbe essere anche lui il predestinato, come potrebbe giungere una terza persona e essere quella il predestinato, non è detto chi realmente lo sia, diciamo il vero lo sto scoprendo assieme a voi, costruisco questa storia capitolo per capitolo. La trama di come voleva andasse c’è l’ho scritta, ma con le vostre risposte cambia tutto, la trama si modifica e a dire il vero si sta rivelando una bella sfida. Di certo troverete parti descrittive e parti non descrittive, anche perché la vita va cosi, a volte siamo protagonisti silenziosi altre invece non smettiamo mai di parlare, ed è quello che succederà qui, soprattutto nei momenti in cui spero di lasciarvi con il fiato sospeso sino alla fine delle 5000 parole.

  • Ciao, questo capitolo è decisamente meno ripetitivo del primo, ma io avrei dato ancora qualche limatina!!! Non preoccuparti di riempire tutte e 5.000 le battute, meglio qualcuna in meno e più leggerezza nel leggere. Attenta alle frasi un po’ pesantucce come “la voce profonda risuonante nella stanza”!!!
    Ho votato per conoscere meglio la profezia, per chi è il predestinato puoi tenerci in suspence fino all’ultimo!!! Alla prossima e buon weekend.

    • Se ti dico che l’ho estrapolato, sviscerato, in pratica gli ho fatto passare tutto quello che potevo far passare, troppo lungo, alcune ( lo ammetto) ripetizioni ( tolte ), ridotte le parti descrittive, ridotte anche quelle parlate, messo solo l’essenziale e ancora era troppo lungo di 20 lettere, sono impazzita per inserire questo capitolo e immagino che non sarà l’ultimo a farmi sudare come questo. Ti ringrazio per la tua osservazione, a me potrebbe sembrare perfetta, ma poi per chi legge come voi lo trova pesante, cercherò di star più attenta a non appesantire i prossimi capitoli. Ciao e grazie ancora anche a te.:)

  • Ciao e benvenuto!

    Non so perché ma leggendo la trama ho avuto una sensazione di DejaVu…
    L’Incipit mette moltissima carne al fuoco: sembra un “riassunto delle puntate precedenti”; interessante ma personalmente avrei preferito che ci si concentrasse solo su alcuni aspetti e si approfondisse di più il personaggio protagonista.
    Voto Drake perché è l’unico che non abbiamo visto nel “riassunto” iniziale.

    Ciao 🙂

    • Ciao grazie,

      A dirti il vero ero indecisa se iniziare con la storia dei regni, ovvero come sono nati e perché sono in guerra, e verso la fine del capitolo avrei aggiunto Ethan, il protagonista indiscusso ( si è capito che è lui), poi alla fine ho preferito optare di presentare subito Ethan con il suo alleato e maestro. Dandomi la zappa sul piede però, dovevo rileggere meglio, va beh! Vi ho dato un riassunto di cosa potrebbe succedere, perché nella mia mente ho le idee di come deve proseguire il tutto, ma le vostre risposte potrebbero cambiare il corso della storia.

  • Ciao benvenuto,
    Condivido il commento di Isabella. Il tuo capitolo leggendolo ad alta voce è, per essere un incipit, un poco ripetitivo e la cadenza con cui si ripresenta puntuale ad ogni paragrafo il nome del soggetto lo grava di un peso eccessivo.
    Dunque il consiglio è di alleggerire, andare ai fatti, non girare intorno alle cose ma “bucarle” con la punta di una spada come probabilmente farebbe Ethan.
    Auguri! Ciao.🙋‍♂️

  • Ciao, benvenuta tra di noi!!! Sai, mentre ti leggevo pensavo una cosa, con questo prologo avresti potuto scriverci una storia intera!!! Ma magari alla fine potrai fare un prequel. Comunque scrivi bene, spero solo che nei prossimi capitoli ci sia un po’ più d’azione e meno descrizione!!!
    Ho votato per saperne più su Ethan, magari vedendolo interagire con qualcuno!!! Alla prossima.

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi