Dietro gli occhi di Luca

Dove eravamo rimasti?

Quale sarà la sfida che la famiglia dovrà affrontare? Un visitatore inaspettato irrompe nelle loro vite (63%)

Visitatore

Un mattino come tanti, mentre Mary e John erano seduti a tavola, un suono insistente alla porta interruppe la loro conversazione.

Con il cuore che batteva forte, Mary si alzò di scatto e si affrettò ad aprire. Di fronte a lei un uomo anziano, il viso solcato da rughe profonde e uno sguardo penetrante che sembrava scrutarla internamente.

«Buonasera, posso aiutarla?», chiese, cercando di nascondere la sorpresa di fronte a un visitatore così inaspettato.

L’uomo anziano sorrise gentilmente. «Mi chiamo Victor. Sono stato mandato dal centro di adozione per controllare la situazione di Luca», disse con voce calma ma decisa.

Mary si sentì improvvisamente imbarazzata per non aver ricevuto alcuna comunicazione in merito. «Mi scusi, nessuno ci ha avvisato di un controllo».

Victor la interruppe con un cenno della mano. «È normale che queste verifiche siano discrete. Devo assicurarmi che Luca stia bene e che l’integrazione nella vostra famiglia proceda senza intoppi».

John, che si era avvicinato alla porta per vedere chi fosse, annuì con un’espressione riservata. «Capisco. Vi prego, entrate».

Victor si sedette al tavolo con naturalezza, come se fosse a casa sua. La coppia, visibilmente nervosa, gli offrì da bere mentre cercavano di capire come gestire quella situazione improvvisa.

L’uomo si presentò come un assistente sociale incaricato di monitorare l’adattamento di Luca, ma Mary non riusciva a ignorare il fatto che il suo sguardo sembrava scrutare più di quanto le parole volessero ammettere.

L’ospite trascorse molto tempo con Luca, osservandolo con attenzione. La sua presenza iniziò a gettare un’ombra su quella che era stata fino ad allora una vita familiare serena e Mary e John erano divisi tra il timore per il benessere di Luca e l’inquietudine per le intenzioni di Victor.

***

Mary era nel soggiorno, intenta a preparare la cena insieme al marito. Victor e Luca si erano ritirati in un angolo della stanza, lontano dai loro sguardi, immersi in una conversazione sottovoce. L’uomo aveva un’espressione seria, mentre Luca sembrava ascoltarlo attentamente, con il suo sguardo serio e comprensivo che non era passato inosservato a Mary.

Guardando di tanto in tanto nella loro direzione, la donna notò come i due si scambiavano sguardi intensi e gesti silenziosi. John, avvicinandosi alla moglie mentre mescolava la pentola sul fornello, sussurrò: “Hai notato qualcosa di strano tra Luca e quell’uomo?”

Mary annuì, incerta. “Sì, sembrano profondamente coinvolti in qualcosa. Non so cosa, ma sembra importante”.

“Probabilmente stanno solo facendo amicizia”, disse John, cercando di scacciare le preoccupazioni che incombevano nell’aria.

Ma non ne era così sicura. Qualcosa nell’atteggiamento di Victor la faceva sentire a disagio, come se ci fosse molto di più dietro quella conversazione. Il loro dialogo sottovoce non era solo un normale scambio tra conoscenti; c’era un’aura di mistero che la intrigava e l’inquietava allo stesso tempo.

Alla sera, dopo aver trascorso diverse ore con Luca nel giardino posteriore a costruire un modellino di astronave, Victor si avvicinò a Mary e John con fare serio.

«Signora Mary, signor John, credo che sarebbe utile rimanere qualche giorno in più per completare il mio rapporto sullo stato di Luca», disse con calma. «Vorrei essere sicuro che tutte le vostre domande e preoccupazioni siano state affrontate in modo completo».

Mary scambiò uno sguardo con John, incerta su come reagire. Nonostante le sue riserve su Victor, sapeva che era importante per il bene di Luca che tutto fosse chiarito.

«Certo», disse alla fine con voce ferma ma gentile. «Rimanete pure».

John annuì concordando. «Sì, è importante per noi essere sicuri che Luca stia davvero bene».

Victor sorrise soddisfatto. «Grazie per la vostra comprensione. Farò del mio meglio per assicurarmi che tutto sia risolto in modo soddisfacente».

Quella notte, mentre giacevano nel buio del loro letto, Mary confessò a John le sue preoccupazioni. «Non mi fido di Victor. Non è solo un assistente sociale», sussurrò con voce tremante. «C’è qualcosa di oscuro in lui».

John la strinse forte. «Anche io ho dei dubbi», rispose con determinazione. «Dobbiamo scoprire chi è e cosa vuole».

C’era qualcosa di sbagliato, qualcosa che non tornava nella sua storia e nella sua presenza nella loro vita.

Nei giorni successivi, l’uomo non solo continuò a monitorare Luca, ma iniziò anche a partecipare attivamente alla vita familiare. Si offrì di aiutare con le faccende domestiche, cucinando occasionalmente cene elaborate che sembravano allietare Luca, che sembrava affezionarsi all’ospite, apprezzando la sua presenza come se avesse trovato un mentore in lui.

Più il tempo passava e più la coppia sentiva l’ombra di Victor allungarsi sulla loro famiglia. Avevano accettato la sua presenza, ma dentro di loro sapevano che c’era qualcosa di più profondo e misterioso riguardo a quell’uomo e al suo interesse per il loro bambino.

Riguardo la strana conversazione tra Luca e Victor. Mary ...

  • ... dovrebbe ignorare il tutto e concentrarsi sul mantenere la normalità, cercando il momento adatto per un confronto (0%)
    0
  • ... dovrebbe osservare attentamente Victor e Luca senza farsi notare, cercando di scoprire l'argomento delle conversazioni (50%)
    50
  • ... dovrebbe confrontarsi direttamente con Victor per capire di cosa parlano (50%)
    50
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

86 Commenti

  • Ciao Lilitho,
    ottimo capitolo! Dunque abbiamo avuto la conferma del fatto che Luca è pienamente coinvolto in questo esperimento che riguarda Mary e John. Spero che gli ultimi due capitoli siano sufficienti per l’epilogo, altrimenti potresti continuare con un sequel.
    Voto per entrambi contemporaneamente.
    A presto!

  • Victor se ne va senza dire niente. mi accodo ai commenti letti. da un lato concordo con red sul fatto che il capitolo non aggiunge novità. dall’altro concordo con apollo per l’ansia che la storia crea perché mi immedesimo nel contesto e mi sento intrappolata non capendo perché non riescono a mandarlo via. vediamo come continui. sono curiosa

  • Lilitho a me sta piacendo la storia, forse non è molto immediata ma il non capire perchè mary e John lasciano victor libero nella loro casa mi fa aumentare l’inquietudine e l’ansia. voglio però capire dove stai andando a parare con questa storia. Io voto per Luca che chiama i genitori. forse arriva qualche rivelazione

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi