Le ombre non parlano

Dove eravamo rimasti?

Per la prossima indagine quale sarà lo scenario? Un parco dei divertimenti? (100%)

La terra dei sogni. In questo caso dei misteri

Ore 17:57 – Isleyland Resort – Dimora della vittima

Che bello! Yuki e io siamo a Isleyland! Il parco divertimenti più bello di Quaza!

Sono anni che la incito a venire. E finalmente siamo dentro le sue mura!

Peccato non come turisti, ma cosa investigatori.

Ebbene sì, Mark Isley. L’uomo che con i suoi film trasmetteva magia, giaceva morto nel suo letto.

Stesso modus operandi. Porta spaccata, disturbatore di frequenze, vittima pugnalata varie volte, niente occhio destro e stemma di Skeleton King sulla parete.

“Maledizione!” urlò Leverage “E con questo siamo a due vittime! Peggio di così non può andare!” dicendo così batté il pugno sul muro, cosa che fece cadere tutte le cornici appese. Chissà la lavata di testa che avrebbe avuto dopo!

Intanto Yuki si stava guardando in giro, sospetto sarà sorpresa dell’arredamento della casa. La villa della vittima si trova dentro al parco, più precisamente nel castello al centro. Tutto al suo interno era simil medievale. C’erano persino delle armature nere da cavalieri!

“Qualcosa ti turba, Yuki?”.

“Sì, Ofe-ia, guardati in giro. Noti qualcosa?”.

Alla domanda Yuki alza il braccio e attivo lo scanner da polso del bracciale. Dopo un minuto di ricerca non noto niente di particolare, anzi era tutto troppo normale.

“Guarda bene, c’è un particolare molto diverso” così dicendo mi posiziona vicino al disturbatore. Subito lo analizzo e… o cavolo è vero, è diverso! Anzi è finto!

Dopodiché Yuki annusò l’aria per poi guardare il cadavere.

“Il corpo sembra in putrefazione, ma nell’aria non c’è puzza. Sai cosa vuol dire?”.

“Che il cadavere è finto!” urlai.

“Come scusa?” chiese Leverage, che intendo a mettere a posto le cornici le fece cadere di nuovo.

“Questo vuol dire una cosa, siamo in una finta scena del delitto”.

Improvvisamente si sentì applaudire.

A farlo era un’armatura!

“Ottimo, era quello che volevo sentire” e togliendosi l’elmo vediamo lui, Mark Isley! Era ancora vivo.

“Mi ha messo alla prova?”.

“Esatto, Miss Yuki” ci disse mentre si sfilava l’armatura “Da tempo sapevo che qualcuno avrebbe cercato di uccidermi, e appena ho sentito di Ray ho posizionato il fantoccio. E in tempo direi, sono morto poco fa”.

“Quindi sa che sta succedendo?” chiese Leverage.

“Sì, uno di noi ha mancato il patto” disse Isler dopo essersi acceso una sigaretta.

“Quale patto?”.

“Vede ispettore. L’intera città di Quaza esiste grazie a questo patto, un patto segreto fatto da quattro pezzi grossi. Se mai venisse scoperto, sarebbe la fine della città fluttuante”.

“Per tutti i circuiti! Ci dica tutto!”.

“Non può” disse Yuki “ha detto che è un segreto”.

“Vero, e io mantengo i segreti. Ma posso rivelarvi chi saranno le prossime vittime, uno è…” Isley non finì di parlare che un coltello volante gli si conficcò nel cuore.

Noi tre ci voltammo, vedendo quello che sembrava un androide.

L’essere con un balzo saltò addosso Isley per poi strappargli l’occhio destro. E una volta preso scappò via.

“Ofe-ia! Metti il turbo!” urlò Yuki accendendo i pattini e subito partimmo all’inseguimento.

“Miss Yuki! Aspetta!” troppo tardi ispettore. Dobbiamo prendere un assassino!

L’inseguitore si buttò dal piano più alto della torre, seguito a poco metri da Yuki. Per fortuna avevo attivato in tempo l’antigravità, altrimenti c’era la possibilità che si rompeva le ossa.

Dopo essere atterrati sotto al castello l’androide corse verso l’uscita del parco. Girò la testa di 180°, di sicuro aveva notato Yuki e me che lo inseguivamo. Dopo averla rimessa al suo posto le sue spalle si aprirono e un piccolo missile volò verso di noi!

“Cavolo!” disse Yuki riuscendo a schivarlo.

“Yuki!” urlai facendole notare dov’era diretta l’arma.

Yuki guardò il killer scappare. Ma subito cambiò direzione verso il missile. Ecco la mia ragazza! Salviamo le persone.

“Calcola la traiettoria!” mi disse puntando il bracciale verso il razzo.

Velocemente calcolai il punto adatto al suo piano. Subito Yuki prese un bastone da Selfie da una coppia europea e con tutta la sua forza colpì il razzo che finì per volare dritto in cielo per poi esplodere.

Per fortuna tanti credettero faceva parte di uno spettacolo ed applaudirono.

Mi spiace per loro per quando avrebbero scoperto che il fondatore del parco era morto poco tempo fa, e il suo assassino era ancora a piede libero.

Poco dopo arrivò l’ambulanza che portò via Mark Isley.

“Hai fatto la scelta giusta, Yuki. Non darti colpe”.

“Lo so, Ofe-ia. Ma era così vicino!” così dicendo cadde nello sconforto. Povera Yuki, è troppo incline a scoraggiarsi, specialmente quando c’è di mezzo il salvare vite.

“Cosa facciamo?”.

“Isley ha detto che c’è un segreto? Bene. Scopriamolo”.

“E come?”.

“Dobbiamo capire chi altri lo conosce, ne mancano due. Cerchiamo degli indizi”.

Ci guardammo in giro, per poi notare uno dei quadri rotti di Leverage.

Uno raffigurava quattro animali. Ovvero: una scimmia, un topo, un fenicottero e un pesce.

“La scimmia! Jomo!” urlai felice.

“E il topo è il simbolo di Isley. Abbiamo trovato un indizio. Non ci resta che capire chi sono gli altri due”.

Ottimo. Le nostre due detective hanno una pseudo pista da seguire. Cosa faranno nel prossimo capitolo?

  • Yuki riceverà una telefonata? (0%)
    0
  • Cercheranno di trovare il pesce? (0%)
    0
  • Cercheranno di trovare il fenicottero? (100%)
    100
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

10 Commenti

  • Voto un parco divertimenti, anche se visto il caldo, la baia innevata mi aveva attirato 😀

    Ciao! Non mi era arrivata la notifica della tua nuova storia! L’ho beccata per caso e per fortuna sono qui. Questa volta ti cimenti con un Giallo; la parte più difficile sarà far sì che tutti gli indizi disseminati alla fine combacino nel finale. Vediamo come te la cavi.

    Per quanto riguarda la storia in sé, trovo molto affascinante come stai dipingendo Quaza e come funzionano le IA nel tuo mondo. Yuki mi ha stupito per il suo modo di fare ed è ben dipinta. Anche se ora ho la curiosità di chi sia questo “lui”, seguiamo l’indagine della ragazzina e la sua IA e vediamo cos’sltro aspettarci. Ofe-IA è fantastica 😀

    Ovviamente ti seguo 🙂

    Ciao 🙂

  • Ciao Dimensione Nuova,
    se l’occhio asportato non serviva per accedere alla banca, il suo furto diventa ancora più inquietante, probabilmente si tratta di una cosa legata al segreto che Christopher non ha voluto rivelare a nessuno.
    Mi è piaciuto il personaggio di Jomo, spero che possa essere presente anche nei capitoli successivi. Il centro per adozioni IA è una cosa un po’ triste, poverino.
    Voto per il parco divertimenti.
    A presto!

  • Ciao Dimensione Nuova,
    non ho ben capito alcune cose: ogni persona è affiancata da una IA oppure solo Yuki ce l’ha (e, in quest’ultimo caso, perché ce l’ha solo lei?). Il dubbio mi è venuto perché non mi sembra che i singoli poliziotti ce l’abbiano. Invece io mi sarei aspettata un uso decisamente maggiore di questa tecnologia da parte loro.
    E poi: perché Yuki ha il tatuaggio di Skeleton King? Ma questo presumo che si scoprirà più avanti.
    L’occhio asportato per avere accesso alla banca è inquietante però molto interessante.
    Voto per l’arrivo di una conoscenza della vittima.
    A presto!

  • Ciao Dimensione Nuova,
    mi è piaciuto questo incipit. Solitamente non amo i racconti ambientati nel futuro, ma nel tuo racconto questa ambientazione ci sta bene. Ho apprezzato Ofe-ia e il fatto che, nonostante sia una intelligenza artificiale, riesca a preoccuparsi per Yuki.
    L’unica cosa che non mi convince è il fatto che Yuki non vada a scuola. Perché non ci va?
    Voto per l’omicidio, che mi sembra sempre il caso più interessante da risolvere.
    A presto!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi