Tutti tranne te

Dove eravamo rimasti?

Chi sta osservando la protagonista? Il suo ex Samuele. (63%)

Faccia a faccia

Mi volto e vedo il samurai sussurrare qualcosa all’orecchio di una ragazza con la parrucca blu. Lei si mette a ridere e annuisce. Trattengo un sorriso e guardo altrove, ma nessuno sembra particolarmente interessato a me.

“Allora ragazzi, che ve ne pare?” Serena torna a catalizzare la mia attenzione, seducente e perfetta nei panni di Malefica. La bacio con delicatezza per non rovinarle il trucco e sorrido. “Sei mille volte meglio di Angelina Jolie.”

“È proprio quello che volevo sentirmi dire.” Dichiara lei soddisfatta, per poi stringermi in un abbraccio. “Sono così felice che ci sia anche tu! Vedrai che insieme a Giuse ti divertirai e nessun tipo molesto si avvicinerà.” Dopo un po’, è costretta ad allontanarsi per fare gli onori di casa, accompagnata dal suo nuovo ragazzo. Giuseppe vede una coppia di suoi amici e mi posa un braccio sulle spalle con fare  protettivo.” Lo so che non vuoi conoscere nessuno, ma Giò e Fede stanno insieme e fanno morire dal ridere. Insomma, è per dirti che non ci proveranno con te.”

Istintivamente mi metto a ridere. “Tua sorella ti ha proprio istruito bene, eh?”

Ci avviciniamo verso la coppia, ma di nuovo ho la sensazione di essere osservata. Sono arrivate anche nuove persone, ma dietro trucchi e travestimenti non riconosco nessuno di particolare. Ormai, ho finito il cocktail e, forse, è quello a darmi strane sensazioni.

Gli amici di Giuseppe sono veramente divertenti e io mi stupisco di sentirmi rilassata e di buon umore, con Samuele lontanissimo dai miei pensieri. Nel frattempo, il mio bicchiere si è di nuovo riempito e io ho bisogno di andare in bagno. “Arrivo subito.”

Seguo il corridoio, lasciandomi alle spalle la musica e il chiacchiericcio, ma una voce mi blocca. “Ciao Emma, vedo che ti stai divertendo.”

Tutto il relax e le belle sensazioni provate stasera svaniscono di colpo e il mio cuore inizia a correre. Non sono pronta, non voglio girarmi. Non avevo messo in conto che lo avrei rivisto dopo così poco tempo. Vorrei sparire, ritrovarmi sul divano ad accarezzare Boh, con una delle mie maglie extralarge e il mondo esterno lontano anni luce. Invece, sono costretta a voltarmi e a incrociare gli occhi scuri di Samuele.

Immagino di aver perso colore, ma il trucco da geisha, almeno in questo mi è d’aiuto. “Ciao.” Parlare mi costa una fatica immensa, devo prendere più fiato del solito per buttare fuori la successiva domanda. “Che cosa ci fai qui?”

Lui fa un sorrisino sprezzante. “Potrei chiedertelo anche io. Ho sempre dovuto implorarti per portarti alle feste. Come ti è venuto in mente di vestirti così?”

Improvvisamente, mi sento ridicola e bruttissima, completamente fuori luogo. Lui, invece, mi appare splendido con il suo vestito da principe indiano. 

“È il compleanno di Serena, non avrei potuto dirle di no. E avevo bisogno di distrarmi un po’.”

“Beh,vedo che qualcuno ti ha dato una mano. Giuseppe non ti ha lasciato sola un secondo. Già che c’era, poteva accompagnarti in bagno.”

Da bianca divento rossa e mi affretto a difendermi. “Giuse ha 23 anni, lo conosco da quando è bambino! È solo un amico!”

“Magari lui non la pensa allo stesso modo, ho visto che non gli dispiace toccarti.” Commenta Samuele con aria seccata. Sto iniziando a perdere la pazienza pure io. “Ti rendi conto che questa conversazione è assurda? Non hai alcun diritto di giudicare come mi vesto o chi frequento. Mi hai lasciato tu! Dopo sei anni ero diventata noiosa, prevedibile. Tu vuoi andare avanti da solo e io non ho questa possibilità?”

“Dicevi che mi amavi tanto,” Fa una smorfia scettica e continua “a vederti non mi sembri così disperata senza di me.”

Senza preavviso, le lacrime mi riempiono gli occhi. ” Che cosa vuoi ancora, Samuele?”

Lui allarga le braccia. “Nulla, forse solo un po’ di coerenza. Qualcosa che mi dimostri che davvero tenevi a me.”

“Perché? Torneresti indietro, nel caso?” Non so se c’è speranza nelle mie parole, se vorrei sentirmi dire che c’è ancora una possibilità per noi due. Mi sento come se un uragano fosse passato dentro di me e avesse distrutto ciò che era rimasto integro negli ultimi due mesi.

” Amo, sei qui. Non riuscivo più a trovarti.” Una tipa vestita da pin up, con una coda di capelli mogano e ciglia da fare invidia a Bambi, compare da nulla e si avvicina al mio ex con aria possessiva. Gli stampa un bacio rosso su una guancia e mi guarda con sufficienza.” È una tua amica?”

Samuele le circonda i fianchi e, senza smettere di guardarmi le risponde. “Non è nessuna, tranquilla.”

Lei fa una risatina e gli dice di tornare dagli “altri”, mentre io finisco di frantumarmi. 

L’istante dopo sono in bagno, a sciogliere il trucco tra le lacrime e con una gran voglia di vomitare, per provare a  buttare fuori tutto lo schifo che mi ha lasciato la discussione con Samuele. Non so per quanto tempo rimango qui, non ho nessuna intenzione di farmi rivedere alla festa, ma qualcuno bussa. “È occupato!” Dico tra i singhiozzi, ma sento la voce di Giuseppe.

“Emma, stai male? Che succede?”

“Vai via, per favore!”

“”Te lo scordi! Apri!” 

Che cosa farà Emma?

  • Chiederà spiegazioni a Serena. (20%)
    20
  • Si sfogherà con Giuseppe e lascerà con lui la festa. (40%)
    40
  • Cercherà un nuovo confronto con Samuele. (40%)
    40
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

22 Commenti

  • Ciao, torno a leggerti dopo un pò, e ho fatto bene. Mi piace il modo “onesto” e pulito di affrontare i temi apparentemente leggeri
    del sentimento amoroso che invece leggeri non sono per niente.
    Belle certe espressioni di Emma che ben raccontano ciò che si agita in un “cuoricino ferito”. Insomma: brava.
    Mi piacerebbe vederti interagire con altre storie ( the incipit è questo), perché sono certo che qualcuno potrebbe far buon uso dei tuoi consigli.
    Ciao… voto la discussione.
    🙋‍♂️🌻

  • Ciao Melania ,
    sono onestamente un pò confuso per la reazione di Samuele …per questo ho votato per un nuovo confronto con lui , forse la sua “insensibilità” verso Emma verrà compresa meglio .
    In ogni caso hai davvero un bel modo di raccontare la storia , bel secondo capitolo ora non resta che aspettare il seguito .

  • Ciao Melania,
    Se Emma si stupiva di sentirsi rilassata e di buon umore senza pensare a Samuele, secondo me invece ci pensava eccome, altrimenti ci avrebbe pensato solo una volta finita la festa!
    Credo che l’opzione del confronto con Serena sia la più logica, però voto per il confronto con Samuele, visto che sono stati interrotti dalla ragazza.
    A presto!

  • Ciao, questo primo capitolo mi ha incuriosito e interessato molto …senza un motivo preciso , forse perchè sei riuscita a ” disegnare” molto bene il ritratto della protagonista , cosa non sempre facile …sopratutto perchè spesso la storia mangia il carattere e la personalità del personaggio che si sta “usando”… mi piace molto anche la prima persona usata per la narrazione ..quindi complimenti .
    Non ci sono storie “semplici” o “poco originali” spesso le storie più “Normali” diventano più interessanti se ben raccontate e tu in questo primo capitolo hai fatto centro!!
    Complimenti!
    Ho votato per il suo Ex…solo perchè le altre due opzioni non mi sembravano così interessanti …
    A presto

  • …Emma con il cuore spezzato accetta di partecipare a una festa, lo fa per scordare tutto, o per riavvolgere il nastro e ricominciare? Diciamo che per iniziare io Samuele lo farei ricomparire, solo per vedere l’effetto che fa, (a noi, perché a Emma lo immagino…).
    L’incipit non è originalissimo, lo sai, e certo non è quello che vuoi, però funziona se decine e decine di storie cominciano o passano per una festa in maschera. Dunque sei assolta 🙂, attenta a qualche imprecisione, e punta decisamente sulla originalità, “inventa e sarai contenta”. Ciaooo
    🌻🙋‍♂️

    • Ciao, intanto grazie di cuore per aver commentato e votato. Per quello che riguarda l’incipit non sono soddisfatta, ho iniziato racconti in modo decisamente migliore, ma mi sono buttata. È la prima volta che scrivo su questa piattaforma ed ero un po’ intimorita, se avessi dovuto aspettare l’incipit perfetto chissà quanto tempo sarebbe passato ancora. 😅 Farò del mio meglio per migliorare nei prossimi capitoli. 😄

  • Ciao Melania,
    benvenuta! Inizialmente pensavo che la protagonista fosse un’adolescente. Mah, probabilmente la festa, i travestimenti e il fratellino dell’amica mi hanno un po’ tratta in inganno. E invece no, se c’è stata una convivenza lunga addirittura quattro anni, significa che Emma ha almeno 23 anni, se non di più (visto che per dei neomaggiorenni è molto difficile avere le risorse sufficienti per andare a convivere).
    Comunque il capitolo mi è piaciuto, scrivi bene. Ti consiglio solo di rileggere attentamente il capitolo prima della pubblicazione per evitare alcuni piccoli errori (niente di grave, comunque): ad esempio, nella frase “Qualcosa si era rotto, mentre per continuava ad essere tutto bellissimo”, manca qualcosa dopo il “per”. Inoltre ti è sfuggito quel punto prima di “Un applauso” che ti ha “spostato” l’ultimo paragrafo al centro.
    Voto per Samuele.
    A presto!
    P.S: Molto simpatico il nome Boh per un cagnolino!

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi