Tifo

Dove eravamo rimasti?

Cosa è caduto dal sesto piano sul tettuccio del costosissimo SUV di Pietro? Il secondo calzettone di Amelia pieno di fumo Marocchino di quello buono (50%)

Non tutto è oro quel che luccicaLa cataratta incalzante e il sole alto nel cielo, sfavillante, hanno costretto i vecchi occhi di Ettore ad una lenta messa a fuoco.
Con lo stesso procedimento ha dovuto fare i conti anche Nonna Stefania, la dirimpettaia di casa Avitabile, unica altra anima semiviva abbastanza curiosa e poco interessata alle partite della domenica che aveva deciso di affacciarsi al balcone dopo aver quasi distintamente udito il tonfo.

Attorno al SUV ultimo grido di Pietro, il quale fa Avitabile di cognome, una famosissima gang di cani randagi è in piena faida interna. Oscar brutto grugno e Gegge morso nerboruto stanno lottando fra loro per il non ben identificato contenuto che è scivolato fuori dal secondo calzettone appartenuto al padre di Amelia. È si, pare che a schiantarsi sul tettuccio del quattro per quattro alla moda, sia proprio il calzettone del Torino calcio datato 1948.
Ad avere la meglio trai due contendenti è Peppino curre curre guagliò, un incrocio tra un volpino e un chihuahua che approfittando della ressa attorno ai due ha già addentato un piuttosto tenero mattoncino, motivo della contesa, e ha cominciato a correre, naturalmente.

Ettore si sta facendo abbondantemente i fatti suoi mentre si gode la scena, Nonna Stefania riporta fedelmente attraverso con Nonna Nunziatina, sua amica del cuore, che si trova all’altro lato del Cordless, che a sua volta ha chiesto alla nipote Ernestina di chiamare i carabinieri. Nunziatina i fatti suoi non se li è mai fatti.

– Goooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooool! –

Stavolta per davvero. A segnare per il Napoli è stato “o trenino n’copp a’fascia”, naturalmente in seguito a vari batti e ri- sbatti, il pallone si è insaccato nella porta del povero Novara dopo un ultimo fortuitissimo rimbalzo sulla clavicola del centrocampista del Napoli.
La lazio vince all’olimpico, la Roma pareggia al Friuli, il Milan gioca sempre il posticipo. Ettore se ne frega e rimane fuori al balcone, Gennaro approfitta della confusione e va a consolare Marina ancora sotto shock nella sua stanza da letto.
Amelia ha rubato 5 uova, un bollitore e non ha trovato la noce moscata. Arianna è chiusa in bagno da 24 minuti e si è portata dietro Elena. Tutti gli altri davanti la tv.

D’improvviso un sibilo fende l’afa pomeridiana, Peppino curre curre guagliò, che nel frattempo aveva rallentato di parecchio la sua corsa e aveva cominciato ad avanzare barcollando verso un punto immaginario, come se un proiettile gli avesse attraversato quella piccola nocciolina che corrisponde al suo cervello, si accascia al suolo su di un lato mollando la presa del suo trofeo.

Ettore, che la guerra non l’ha fatta perché suo nonno era amico dello zio della moglie del nipote del Generale incaricato di reclutare giovani al sud, ma che ha finito 7 volte Doom II versione per play station con Ettore Maria, non ci pensa un attimo e si sporge poco oltre la ringhiera del balcone per guardare verso alto.

Uno dopo l’altro Oscar brutto grugno e Gegge morso nerboruto si afflosciano sul cemento come Peppino curre curre guagliò aveva fatto poco fa. Tutti gli altri membri della gang capiscono che è il caso di scappare.
Nonna Stefania rientra in casa, chiude la finestra e comincia ad urlare al telefono che in giro c’è la peste.

Un tizio in felpa e cappuccio dell’Inter esce dal portone del palazzo di Ettore e si dirige verso il SUV, una volante dei carabinieri si ferma davanti l’indifeso corpicino di Peppino curre curre guagliò a centro strada, Ettore rientra dentro casa, la situazione non gli piace più. Qualcosa luccica sul tetto, l’appuntato Carmine Perpetuo, che tifa Avellino e invidia il fratello Felice Perpetuo perché riesce ad andare regolarmente di corpo, ha immediatamente notato quel singolare bagliore. Le brache di Gennaro calano, la gonna di Marina si alza, Arianna entra in vasca, Elena gioca con il rossetto trovato davanti lo specchio e mancano solo 15 minuti più recupero alla fine dei primi tempi.

A voi cosa interessa di più sapere?

  • Risultati parziali delle partite e celebre caffè di Arianna (21%)
    21
  • Ettore Maria si ricorda di aver lasciato la sua sciarpa della Lazio in camera dei genitori (14%)
    14
  • Di chi è il fumo, come è finito nella calza di Amelia e soprattutto che fine farà? (64%)
    64
Loading ... Loading ...

Categorie

Lascia un commento

43 Commenti

  1. Ciao, ho recuperato adesso i capitoli precedenti.
    Indescrivibile la confusione che c’è in quella casa😂
    Per quanto riguarda l’opzione, ho votato affinché Caterina trovi in cucina Amelia che la danza della pioggia intorno agli avanzi del ragù… sento già delle urla in arrivo😅
    Al prossimo capitolo!

    • Mi sa che se non lo si legge tutto di un fiato ci si perde facilmente 😛

      sono stato poco continuo ultimamente, però ti ringrazio di cuore; nel caso la tua sia la scelta più votata, vedrò di far uscire molto sangue in rispetto al grande Quentin

  2. Mi piace un sacco. La scrittura è scorrevole, e la descrizione dei personaggi è originale e davvero efficace. Anche le scelte finali sono tutte e tre validissime: ho votato per i carabinieri, ma sarei sinceramente curioso di leggere anche le altre possibilità. Chissà, magari alla porta ci sono tutti e tre insieme!
    Ti seguo volentieri. Sono molto molto interessato.

    • Gentile davvero da parte tua,
      questo secondo racconto si distacca di parecchio dal primo, volevo sperimentare diciamo, speriamo bene 😛

      Al momento non tutti hanno dimostrato lo stesso interesse per i carramba, ma non si sa mai.

      a presto!

Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi