Il mondo delle storie ancestrali (2)

Riassunto della prima parte

Nelle puntate precedenti

Eloise era una studentessa universitaria come tante, ma durante la presentazione dell’ultimo libro della saga Il mondo delle Storie Ancestrali di John Traveller,  bestie oscure attaccano le persone e lei fugge insieme allo scrittore. Cercano l’aiuto di una strega, ma lei predice alla ragazza che dovrà affrontare un grande pericolo.

Eloise non lo accetta e scappa, pensa che siano tutti pazzi perché secondo loro le bestie vengono dal Mondo delle Storie Ancestrali e vogliono qualcosa da lei. Durante la fuga viene rapita da un ragazzo, David, che la porta in questo mondo, e precisamente nel Regno dei libri Maledetti, i nemici contro cui il suo idolo, Traveller, col nome di Jack Pilgrim aveva combattuto per salvare il mondo dagli incubi e dal male.

Tuttavia i conti non tornano: John si sarebbe macchiato del crimine di aver accecato una povera vecchia, che nel castello ha il compito di occuparsi di Eloise, e David Glare, il suo carceriere, non sembra essere crudele come vuol far credere…

Tutto ciò che ha letto nei libri è vero, il Regno dei Libri Scomparsi e il Regno dei Libri Maledetti esistono veramente, i loro nobili posseggono un’eredità narrativa che, acquisita poco dopo la nascita attraverso un battesimo, consente loro di avere dei poteri bevendo l’acqua del Lago delle Memorie. 

Ma il popolo non è contento, vuole anch’esso i poteri, per vendicarsi della vessazione dei nobili o per cupidigia. Fatto sta che, durante un viaggio al tempio degli adepti dei Nove Sacerdoti (coloro incaricati di assegnare l’eredità narrativa a ogni figlio di sangue nobile, che sia del regno dei libri scomparsi, o del regno dei libri maledetti), David e Eloise vengono attaccati. Ma da chi?

David si girò e parò il fendente, ma la spada a due mani dell’avversario era troppo pesante e quindi troppa forza da contrastare.
Eloise lo vide piegarsi sotto l’avversario. Strinse le mani attorno allo spadino e da dietro infilzò il collo dell’uomo. Il sangue le spruzzò addosso.
Lasciò che il nemico cadesse insieme allo spadino, poi urlò.
David fece il giro del cadavere e la tirò a sé, abbassandole la testa e conducendola dietro agli alberi.
«Cammina ancora, possono ancora vederci.»
Lei lo seguì, piangendo.
Una coppia di briganti saltò giù da un ramo e bloccò loro la strada. David li affrontò entrambi. Uno cadde morto al suolo dopo un solo scambio di fendenti, l’altro si era allontanato e correva via. Messa una distanza tra sé e i ragazzi, il brigante lanciò due pugnali verso di loro. David li evitò, uno si conficcò in un albero e lui lo prese e lo rilanciò al nemico, colpendolo alla fronte.
«Eloise, è fatta, ancora un po’ e-»
«David.»
Eloise aveva le mani su un fianco, dove una macchia rossa si stava allargando sul vestito. Bruciava.
«Aiutami, David.» 

Cosa accadrà ora?

  • David troverà il modo di tornare sulla strada, ruberà un carro e la porterà da un medico in città (50%)
    50
  • David la guarirà e, obbligati a passare la notte nel bosco, rivelerà il segreto del suo cognome a Eloise (33%)
    33
  • David la prenderà in spalla, cercherà aiuto e lo troverà in una casetta isolata abitata da una strega (17%)
    17
Loading ... Loading ...
Categorie

Lascia un commento

164 Commenti

  • Povera Eloise, non sapevamo così tanto di lei. Ero più curiosa sulle paure di David, perché rimane ancora molto misterioso e sono certa che le sue sarebbero state interessanti. Comunque, è stato un bel capitolo 🙂
    Ci sei mancata e spero che tornerai un po’ prima con il prossimo episodio.

  • Appena ho letto la mail che annunciava il nuovo episodio, mi è partita nella mente l'”alleluia” che si canta in chiesa. 🙂
    Bene, ora leggo l’episodio e poi concludo il commento.

    Sono indeciso tra Traveller e Morgan… Mmm… È da troppo tempo che non vediamo “Mr. T”, quindi vada per lui.

    P.s.: ti sei persa praticamente tutto il mio racconto. 🙂 😉 Se riesci a leggere entro venerdì, potresti modificare il finale. 🙂

  • Questo sito usa i cookies per migliorare l'esperienza utente. Cliccando su Accetto acconsenti all'utilizzo di cookie tecnici e obbligatori e all'invio di statistiche anonime sull'uso del sito maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi